Immagine: Pixabay / Brian Merrill

Camminata veloce legata a una vita notevolmente più lunga, indipendentemente dal peso

Una nuova ricerca rivela sorprendenti benefici di una buona camminata.

La camminata veloce è ben nota come una forma praticabile di moderata attività fisica, una soglia non difficile da raggiungere, ma nota per migliorare la salute fisica e il benessere mentale e aumentare le probabilità di una vita più lunga. Un nuovo studio fornisce uno dei legami più drammatici tra camminata e longevità. Ma vorrai aumentare il ritmo.

I ricercatori hanno esaminato i dati per sette anni su 474.919 persone nel Regno Unito, durante i quali 12.823 di loro sono morti. I soggetti avevano definito il proprio ritmo di camminata come lento, costante / medio o vivace.

Nessuna sorpresa, i camminatori veloci avevano aspettative di vita più lunghe, in media. Ma il numero di anni in più è drammatico. E la cosa più interessante: la camminata veloce è stata collegata a più tempo su questo pianeta indipendentemente dal peso, inclusi non solo le persone in sovrappeso ma anche gli obesi, misurati dall'indice di massa corporea (BMI), dalla percentuale di grasso corporeo e dalle dimensioni della vita.

"I camminatori veloci hanno una lunga aspettativa di vita in tutte le categorie di stato di obesità, indipendentemente da come viene misurato lo stato di obesità", afferma l'autore principale dello studio, Tom Yates, professore di attività fisica, comportamento sedentario e salute presso l'Università di Leicester. "Questo ci consente di avere più fiducia nei risultati rispetto a se guardassimo solo una singola misura."

Cosa significa?

I risultati suggeriscono che l'idoneità fisica può essere un indicatore migliore dell'aspettativa di vita di BMI, Yates e i suoi colleghi concludono in un documento del 15 maggio la rivista Mayo Clinic Proceedings.

Ci sono limiti allo studio. I risultati osservativi stabiliscono un collegamento, ma non causa-effetto, sottolinea Yates. Ad esempio, l'abituale camminata veloce rende le persone più sane, ma naturalmente le persone più sane possono essere più propense a camminare più velocemente. E il ritmo della camminata era auto-riferito, non misurato. L'auto-segnalazione è meno accurata del tutto e ogni persona può vedere "lento" contro "veloce" in modo diverso.

"Tuttavia, anche se è probabile che vi siano più fattori che contribuiscono alla forza delle nostre scoperte, è risaputo che aumentare la forma fisica è una delle cose migliori che puoi fare per la tua salute", mi dice Yates. "Aumentare il ritmo della camminata nella vita di tutti i giorni è un buon modo per aumentare i livelli di fitness, in particolare per coloro che sono camminatori lenti."

Un altro risultato interessante dello studio: essere sottopeso, oltre a camminare lentamente, è legato a vite più brevi.

"Questa scoperta è in contrasto con un presupposto che viene spesso fatto che l'obesità conferisce il maggior rischio", spiega Yates. "In effetti, molti altri studi hanno anche riportato un elevato rischio di mortalità in coloro che sono sottopeso, anche se il nostro è il primo a indagare su questo in relazione al ritmo della deambulazione. Combinare camminatori lenti (una misura di basso stato funzionale e scarsa resilienza) con un basso indice di massa corporea (una misura di scarso stato nutrizionale) sembra particolarmente dannoso in quanto è probabile che rifletta un fenotipo che è fragile, scarsamente nutrito e ha una capacità notevolmente compromessa per rispondere a sfide fisiologiche "come malattie o lesioni.

Il consiglio di consenso

Le linee guida federali statunitensi per adulti suggeriscono 2,5 ore settimanali di esercizio fisico moderato, che può includere camminata veloce o 75 minuti di esercizio fisico intenso. Più è meglio, dicono gli esperti, e una persona dovrebbe includere anche esercizi di potenziamento muscolare, come indicato dalle linee guida.

Quel livello raccomandato di moderata attività fisica migliora la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo, aumenta l'energia e la resistenza e migliora l'umore, il benessere mentale, il sonno e le capacità cognitive, secondo l'American Heart Association.

Anche meno attività può essere utile. Uno studio all'inizio di quest'anno sul British Journal of Sports Medicine ha scoperto che attività moderatamente intense come camminate veloci, giardinaggio o danza per soli 10-59 minuti a settimana erano collegate a un rischio di morte inferiore del 18% per qualsiasi causa, rispetto a inattivo persone. Allo stesso modo, una passeggiata nella natura ha chiari benefici per la salute. Qualsiasi attività fisica di questo tipo può anche renderti più felice.

Altre ricerche dimostrano che l'attività fisica utile non deve essere particolarmente difficile, e non è mai troppo tardi per iniziare e vedere ancora una serie di benefici da una salute migliore a una vita più lunga.

Che cos'è veloce?

Quindi qual è un passo veloce?

Per le persone dai 21 ai 40 anni, camminare per circa 100 passi al minuto raggiunge la soglia di esercizio di intensità moderata, secondo una ricerca pubblicata a gennaio sull'International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity. Il conteggio potrebbe non essere necessario. Circa l'80% dei partecipanti allo studio ha naturalmente percorso una cadenza di circa 110 passi al minuto, afferma il membro del team di studio Elroy Aguiar.

Una moderata attività fisica può anche essere misurata come il posto tra "la conversazione è facile" e "puoi sentire il tuo respiro ma non sei senza fiato", basato sulla scala Borg, un indicatore comune usato dagli scienziati.

Insieme, la ricerca sul camminare è un caso sempre più forte per abbandonare l'auto e zoppicarla per funzionare, o semplicemente programmare una passeggiata serale nel quartiere. Non prenderlo troppo lentamente.

"Le persone dovrebbero essere consapevoli del loro ritmo di camminata e gli escursionisti lenti dovrebbero provare a camminare più velocemente", afferma Yates.