crediti fotografici (da sinistra a destra): (in alto) Emil Vilsek, Mathilda Khoo, Angelina Litvin, (in basso) Luke Braswell, Ryan Holloway, Oladimeji Odunsi

Puoi dire se qualcuno ha successo guardando il loro viso? Secondo Science, puoi.

"Sapevo che c'era qualcosa di sbagliato in lui."

Quante volte abbiamo sentito qualcuno dire questo o pensato questo nella nostra testa? Ogni volta che ci sentiamo in conflitto con qualcuno che incontriamo, sentiamo sempre la stessa cosa: "fidati del tuo istinto".

Potremmo passare giorni, mesi o addirittura anni a cercare di capire qualcosa. C'è una buona possibilità di riuscire in questo nuovo lavoro? Dovrei fidarmi di lei? Le ruote nella nostra testa girano mentre pensiamo a tutte le variabili e al modo in cui verranno giocate.

E ancora, continuiamo a sentire che dovremmo solo ascoltare il nostro istinto. Domande complicate, risposta semplice. Cosa dovremmo fare e da dove è venuta questa intera idea dell'istinto?

L'intuizione non è una qualità magica e misteriosa che portiamo con noi. In realtà viene dalla conoscenza e dalle esperienze passate che tutti noi portiamo. Anche se non siamo in grado di spiegare perché sentiamo il nostro modo di fare, c'è una spiegazione logica dietro i nostri sentimenti viscerali.

Ogni volta che incontri qualcosa di nuovo, il lato inconscio del tuo cervello effettua costantemente valutazioni. Accetta alcuni spunti, come un sorriso o parti di una storia, e poi lo abbina a qualcosa di simile nel nostro database di ricordi per arrivare a una conclusione. Nel frattempo, il nostro lato cosciente rimane ignaro di questo rapido processo in corso.

I nostri istinti ci aiutano a navigare nel nostro mondo più facilmente creando scorciatoie mentali che ci aiutano ad agire rapidamente. Invece di utilizzare l'energia per valutare appieno una situazione, i nostri cervelli cercano risposte rapide.

Ma quanto sono affidabili i nostri sentimenti viscerali?

La leadership è tutta in faccia

È stato detto che non dovremmo giudicare un libro dalla copertina, ma gli studi rivelano che possiamo imparare un po 'solo guardando il viso di qualcuno. Nicholas Rule, professore di psicologia all'Università di Toronto, ha condotto una serie di studi sulla percezione del viso.

Nel 2011, Rule ha mostrato a un gruppo di persone le foto dell'annuario del college dei migliori avvocati statunitensi. Questi sconosciuti hanno predetto con successo quali avvocati avrebbero eventualmente guidato gli studi legali più redditizi del paese. Ha condotto uno studio simile con 20 CEO femminili e ha trovato una correlazione diretta tra rating e utili aziendali.

Perché, tuttavia, è più difficile da spiegare. Forse è perché inizialmente giudichiamo una persona dal suo aspetto fisico, quindi sviluppano alcuni tratti della personalità per adattarli al loro aspetto. In una profezia che si autoavvera, finiscono per trovare posizioni che corrispondono al loro personaggio.

O è il contrario? La personalità della persona cambia aspetto mentre ripetono determinate espressioni facciali. Dalle risate agli sguardi sgargianti, usiamo queste espressioni fisiche per valutare com'è la persona.

crediti fotografici (da sinistra a destra): Dmitriy Ilkevich, Jake Davies, Kyle Loftus

C'è molto da dire sulla lettura del volto di qualcuno. Quando guardiamo qualcuno parlare o reagire a qualcosa, guardiamo il suo volto alla ricerca di espressioni non verbali. Ciò che potrebbe non essere così ovvio è che stiamo inconsciamente leggendo le microespressioni delle persone per vedere come si sentono davvero.

Una microespressione è un'espressione facciale breve e involontaria. A differenza delle espressioni regolari, le microespressioni spesso durano solo per una frazione di secondo e sono difficili da falsificare. Ad esempio, qualcuno potrebbe evitare brevemente il contatto visivo se nascondono qualcosa o si sentono incerti.

Quando le parole di qualcuno non coincidono con le microespressioni sul loro volto, sentiamo che qualcosa è "spento" sulla persona. Quello che dicono non corrisponde a quello che pensano. Questa sensazione inquieta che sperimentiamo può essere difficile da articolare, quindi la attribuiamo alla nostra sensazione viscerale.

"Ma sembrava così bello!"

A volte pensiamo di avere qualcuno completamente capito. Fino a quando non ci dimostreranno che ci sbagliamo.

Prendi John Wayne Gacy, per esempio. Ha vissuto nella tranquilla periferia di Chicago negli anni '70 con sua moglie e due figliastra. Le persone che conoscevano Gacy lo rispettavano e lo consideravano un modello per il suo contributo alla comunità e il suo carattere gentile e simpatico.

Quando non lavorava alla sua crescente impresa edile, Gacy era attivo nel Partito Democratico e ospitava feste di strada per i vicini. Si offriva volontario per le organizzazioni e si travestiva da clown per intrattenere i bambini. Tutti sapevano di cosa parlava Gacy - o almeno così pensavano.

Quello che non sapevano era il suo passato. Diversi anni prima, aveva iniziato in modo simile in un altro sobborgo. Ha sposato la sua collega Marlynn Myers, il cui padre lo ha invitato a lavorare nel settore della ristorazione familiare. Le cose sono iniziate alla grande. Gacy ha lavorato molto duramente, è stato coinvolto nel volontariato e alla fine lui e sua moglie hanno avuto un figlio e una figlia.

Ma poi circolarono le voci secondo cui Gacy era interessato ai giovani che lavoravano al ristorante. I suoi cari, che lo conoscevano così bene, hanno liquidato queste voci come ridicole. Ma nel 1968, è stato accusato di numerosi conteggi di stupro e violenza nei confronti dei ragazzi adolescenti. Dopo aver scontato solo 18 mesi di prigione, ha iniziato a ricominciare la sua vita con una lavagna pulita.

Anche qui nella sua nuova vita, Gacy divenne presto impaziente. Impiegò un certo numero di giovani uomini a lavorare nei suoi affari perché poteva pagare loro bassi salari, come era il suo ragionamento. Per un periodo di sei anni, un certo numero di ragazzi e giovani adolescenti nella zona sono misteriosamente scomparsi.

Le voci su di lui sono cresciute ancora una volta e un indizio ha portato la polizia a eseguire un controllo sui precedenti, dove hanno scoperto il suo passato. Alla fine lo hanno legato all'assalto sessuale e all'omicidio di oltre 30 ragazzi e giovani adolescenti. Amici e vicini che lo conoscevano da diversi anni rimasero scioccati mentre veniva processato e condannato al braccio della morte.

Quando istinti intestinali portano a spargimenti di sangue

L'altro lato della medaglia si basa su un errore di valutazione delle intenzioni di qualcuno. Quando ti rendi conto di avere torto, è troppo tardi.

Il ruolo di un agente di polizia richiede che la persona prenda decisioni rapide in base alle informazioni a portata di mano. A volte queste decisioni possono significare la differenza tra vita e morte. Sfortunatamente, ci sono stati diversi casi in cui le persone sono state colpite perché erroneamente ritenute pericolose.

Uno dei casi più noti è quello di Amadou Diallo, un uomo guineano di 20 anni. In piedi davanti al suo condominio, allungò la mano nella sua giacca affinché il suo portafoglio mostrasse l'identificazione. Gli ufficiali hanno scambiato l'oggetto con una pistola e sparato per un totale di 41 volte. Ne derivò l'indignazione pubblica quando furono sollevati problemi di profilazione razziale e brutalità della polizia.

Il caso ha portato a una revisione di come le persone prendono decisioni basate sulla razza in una serie di esperimenti di ricerca. Sia ai volontari universitari che agli agenti di polizia è stato chiesto di giocare a una simulazione al computer per scegliere se sparare o meno un bersaglio, che avrebbe potuto essere bianco o nero, indipendentemente dal fatto che fossero armati o meno. I risultati hanno mostrato che quando si trattava di obiettivi neri disarmati, i partecipanti erano più lenti e meno precisi nel processo decisionale.

credito fotografico: Christian Fregnan

Questi incidenti mostrano che le nostre decisioni improvvise spesso derivano da pregiudizi ed esperienze passate. Se lasciamo che i nostri sentimenti istintivi prevalgano sul nostro processo di pensiero, potremmo finire per prendere le decisioni sbagliate.

In situazioni ordinarie, tuttavia, di solito paga diffidare di ciò che lo circonda. Che tu sia maschio o femmina, può essere snervante camminare da solo in una strada buia e solitaria di notte. Se ricevi vibrazioni negative da qualcuno nelle vicinanze, sei più sicuro allontanarti da quella persona piuttosto che rischiare qualsiasi cosa accada.

Un'idea ancora migliore è usare un sistema amico. Molte università hanno istituito un sistema di amicizia su richiesta in modo che le persone possano eliminare i rischi avendo qualcuno con cui camminare di notte. A volte il modo migliore per usare il tuo istinto è quello di eliminare la necessità.

I nostri istinti sono flessibili

Il nostro istinto esiste per una ragione. Sono stati costruiti per aiutarci a valutare rapidamente le persone per determinare se possiamo fidarci o meno di loro, il che aumenta le nostre possibilità di sopravvivenza. Questi sentimenti viscerali sono costruiti e modificati dalle nostre esperienze passate e cose che abbiamo imparato.

La cattiva notizia è che i pregiudizi e le esperienze memorabili possono offuscare il nostro giudizio e il nostro istinto. Potremmo erroneamente pensare di sapere com'è uno sconosciuto confrontandolo con qualcun altro. Oppure, imponiamo i tratti della personalità a qualcuno per adattarsi a come vogliamo che siano.

Ognuno di noi porta pregiudizi che alterano il modo in cui i nostri sentimenti intestinali reagiscono. Dobbiamo valutare in che modo le nostre esperienze cambiano le nostre percezioni delle persone in modo da poter dare giudizi migliori in futuro. Riconoscendo che i nostri sentimenti intestinali vengono respinti in alcune occasioni, possiamo bilanciare le nostre emozioni con il pensiero razionale.

Melissa Chu scrive su come creare un ottimo lavoro e abitudini di successo su JumpstartYourDreamLife.com. Puoi prendere la guida Come ottenere tutto quello che vuoi.