Caro Bill: fa caldo qui o sono solo io? Una lettera aperta sull'urgenza e la verità scomoda dei cambiamenti climatici

Caro Bill Nye,

Tutti ti amano. Lo sai, vero? Sei lo zio accattivante e secchione che tutti meritiamo. Il tuo métier sta abbattendo formidabili e complessi principi scientifici in unità compatte e memorabili a cui tutti possiamo accedere, sia bambini che adulti. Mi piaci, Bill. Come potrebbe non piacere a qualcuno che vince facilmente un dibattito sul fatto che il creazionismo sia un'opinione e che l'evoluzione sia un dato di fatto, ma, è vero, questo è un frutto basso per te e la tua base di fan, che è decisamente più NPR che NRA.

So che le lettere aperte possono essere un po 'scoraggianti, ma davvero non conosco un modo migliore per contattarti. Voglio chiarire ancora una volta che questa lettera non parla di non amarti, Bill, perché, non che sia davvero importante, ma, ancora, mi piaci. Mi piacciono i tuoi farfallini sgargianti. Mi piace il tuo impegno nel portare la scienza alle persone in modi divertenti e creativi. Mi piace il tuo comportamento rassicurante, il tuo atteggiamento amichevole, la tua avvicinabilità. Ma ecco il punto: sei conosciuto come The Science Guy. Parte della tua popolarità deriva dal modo in cui "Bill Nye" e "The Science Guy" hanno fatto rima e si incastrano come pezzi di un puzzle che si inserisce ordinatamente in posizione. So che non è solo un marchio, anche se chiaramente hai fatto un marketing molto intelligente lì. Sento che ti interessa davvero e non stai solo telefonando a questa persona che hai creato per un dollaro. Ad esempio, nei tuoi segmenti scatologici off-brand-ma-stranamente-on-brand su Last Week Tonight con John Oliver Sunday, ho sentito che la tua frustrazione era reale quando hai illustrato senza mezzi termini i cambiamenti climatici con un globo che hai incendiato e urlato , “… Non mi dispiace spiegarti la fotosintesi quando avevi 12 anni, ma ora sei adulti e questa è una vera crisi. Fatto?!"

Qui è dove le cose diventano appiccicose per me, però. Per noi, davvero. Siamo vegani. Sì, so che i vegani sono pensati come i nemici del divertimento, ma perché dovrebbe importarti? Dovresti essere lo zio amichevole e nerd per tutti noi, ma soprattutto con l'urgenza del cambiamento climatico irreversibile che respira il suo respiro caldo lungo il collo, non dovresti prendere sul serio quello che abbiamo da dire, specialmente quando è sostenuto da ricerca scientifica rigorosa e attuale? So che non è divertente riconoscere la nostra legittimità, ma non è l'atteggiamento simile al baccanale che gli umani hanno nei confronti del pianeta, i suoi abitanti e le risorse fanno parte del motivo per cui hai sentito un tale senso di urgenza educare le persone sulla dura e intensa realtà di cambiamento climatico?

VeganStreet.com

I tuoi segmenti del programma di John Oliver, che riguardava il New Deal verde, non riguardavano il ruolo delle industrie della carne e dei prodotti di origine animale nel far progredire il cambiamento climatico, ma non è sorprendente: il New Deal verde, anche se un'iniziativa altrimenti coraggiosa, paga solo un servizio labiale vagamente formulato in una piccola sezione, riflettendo sul fatto che l'agroalimentare animale è uno dei primi due o tre principali contribuenti ai più gravi problemi ambientali, a tutti i livelli dal locale al globale secondo il settore alimentare e agricolo Organizzazione delle Nazioni Unite.

Dalla scarsità d'acqua all'inquinamento idrico, dalla distruzione dell'habitat all'estinzione delle specie, dall'erosione del suolo alla deforestazione, vediamo le impronte digitali rintracciabili e inconfondibili dell'agroindustria degli animali. Secondo la Long Shadow del bestiame della FAO, l'agroalimentare animale genera più emissioni di gas serra - il 18 percento - misurate in CO2 equivalente rispetto al trasporto. Questo numero è stato messo in discussione, poiché il Worldwatch Institute ha messo il numero molto più alto al 51 percento delle emissioni globali di gas serra, e altri lo hanno leggermente abbassato, ma resta il fatto che l'agroindustria degli animali contribuisce al pericolo ecologico su vasta scala. Le uniche persone che sentirai discutere altrimenti, francamente, sono ignoranti o lavorano per l'industria.

VeganStreet.com

Puoi dirmi perché allora è così difficile convincere la gente a discutere questo argomento in modo serio, specialmente quando le cattive notizie sulla nostra traiettoria planetaria stanno colpendo così duramente e così spesso? Abbiamo queste informazioni per anni. Quando nel 2006 uscì An Inconvenient Truth, molti di noi furono trattati come un mucchio di radicali dagli occhi selvaggi o di buzzkill dour quando abbiamo sottolineato che concentrarsi molto di più sul passaggio a lampadine fluorescenti compatte e sul passaggio a una dieta a base vegetale era, beh, una comoda omissione, ma in realtà non è cambiata molto. Quando anche Neil deGrasse Tyson prende in giro l'idea di adottare diete a base vegetale per ridurre i gas a effetto serra e i cambiamenti climatici, devi capire perché, beh, i vegani sono esasperati come in quella scenetta di John Oliver. Non diresti che siamo un po 'giustificati?

VeganStreet.com

Sono felice di sapere che credi che le diete a base vegetale siano il futuro. Penso sulla base della tua urgenza nei tuoi segmenti di John Oliver, tuttavia, puoi essere d'accordo sul fatto che il futuro è adesso. Non abbiamo tempo di toccare la danza attorno ad esso. Non abbiamo tempo di giocare a piccoli giochi stupidi. Dobbiamo agire. E, francamente, abbiamo bisogno che le persone come te dicano, inequivocabilmente, che il modo di salvare il nostro pianeta (e miliardi di animali non nati nella miseria) è attraverso la riduzione del nostro contributo ai cambiamenti climatici almeno tre volte al giorno attraverso ciò che mangiamo . Più che dirlo, voglio che tu lo adotti, lo modelli e lo sostenga senza paura per questo. So che nessuno vuole essere il messaggero di notizie che potrebbero non essere ricevute bene, ma, Bill, sei un messaggero. Quando sappiamo ciò che sappiamo, rinnegare la responsabilità di quel ruolo ti rende un accessorio per dare alle fiamme il nostro pianeta. Mentre le persone si stanno torcendo le mani e i bambini sono tormentati dall'ansia per il futuro, non dovrebbe qualcuno come te offrire soluzioni accessibili?

VeganStreet.com

Le diete a base vegetale non sono tutto, l'essere tutto, fine tutto. C'è molto di più che possiamo e dovremmo fare. Possiamo sostituire i prati con piante compatibili con l'impollinatore. Possiamo usare meno pesticidi e diserbanti. Possiamo compostare i nostri avanzi di cibo. Possiamo comprare il più possibile di seconda mano. Possiamo evitare il più possibile la plastica e portare le nostre tazze, posate e contenitori quando si mangia fuori, se ciò riduce gli sprechi. Possiamo guidare di meno e usare di più i nostri piedi, le nostre bici, i nostri programmi di condivisione dei viaggi e il trasporto pubblico. La dieta è una parte enorme dell'equazione, tuttavia, e mangiare è qualcosa che facciamo ogni giorno. Ignorare ciò significa ignorare l'elefante nella stanza. Non sto cercando di essere santuario, ma lo rischierò chiedendo cosa ci vorrà per raggiungere le persone che hanno il tipo di influenza come te per modellare un percorso che va avanti, che è un pianeta in cui tutti possiamo abitare e proteggere per le generazioni a venire?

VeganStreet.com

Come hai detto, questa è una vera crisi. Dobbiamo iniziare a comportarci così. In altre parole, per citarti, Bill, "Occhiali di sicurezza, madre fottuta".

Con amore,

Marla Rose

Marla Rose è una giornalista, co-fondatrice di VeganStreet.com e Vegan Street Media, e vuole che dai un'occhiata a questa guida gratuita a portata di mano per i nuovi (o aspiranti!) Vegani. Se ti piace il lavoro che stiamo svolgendo, ti preghiamo di prendere parte alla nostra community di Patreon per un minimo di $ 1,00 a settimana.