Genetista, sviluppatore BCI, ingegnere blockchain e adolescente - Ananya Chadha

Ingegnere blockchain, genetista e attualmente, il più giovane sviluppatore di interfacce cervello-computer in tutto il mondo a 16 anni - incontra Ananya Chadha

Nataliya Hearn, Anna Niemira, Ananya Chadha, Elena Sinelnikova

La canadese Ananya Chadha, vincitrice dell'Hackathon di Toronto 2018 di CryptoChicks con i suoi dati genomici sul progetto blockchain - G-nome; ha sviluppato due criptovalute e contratti intelligenti di crowdfunding con token Ethereum ERC20. Attualmente sta lavorando su un braccio protesico controllato dal cervello, un drone controllato dal cervello, giochi VR controllati dal cervello con Microsoft e sta esaminando le intersezioni tra la blockchain e le interfacce del computer del cervello. Ananya ha sedici anni.

Ananya è attualmente il più giovane sviluppatore di interfacce cervello-computer in tutto il mondo. Secondo Wikipedia, l'interfaccia cervello-computer (BCI), a volte chiamata interfaccia di controllo neurale (NCI), interfaccia mente-macchina (MMI), interfaccia neurale diretta (DNI) o interfaccia cervello-macchina (BMI), è una diretta percorso di comunicazione tra un cervello potenziato o cablato e un dispositivo esterno. Il più recente sviluppo di Ananya BCI utilizza le onde cerebrali per accendere e spegnere la musica attraverso i pensieri e persino guidare un'auto telecomandata usando le onde cerebrali.

Progetto di dati genomici di Hypathon di CryptoChicks

Mentre Ananya Chadha lavorava in genomica all'Ospedale di Toronto per bambini malati, aveva gli occhi aperti su dove stava andando l'industria medica dopo aver parlato con un numero di persone in bioinformatica (combinando biologia, informatica, matematica e statistica per analizzare e interpretare il biologico dati) e sviluppatori di machine learning (utilizzando tecniche statistiche per dare ai sistemi informatici la capacità di "apprendere"). Ananya ha scoperto che una parte significativa del mondo sta passando all'utilizzo dell'intelligenza artificiale come metodo per rilevare le mutazioni nel DNA. Per fare un ulteriore passo, una volta scoperte le mutazioni, è possibile curare le malattie che causano le mutazioni genetiche.

Con grandi progressi arrivano anche nuove sfide. I nostri dati genetici - il nostro DNA - i dati che definiscono chi siamo - sono attualmente insicuri. Gli esperti di privacy hanno avvertito i consumatori dell'utilizzo dei vari kit di test genetici diretti al consumatore a causa di problemi di privacy. Pensa a ciò che le grandi aziende già sanno di noi attraverso l'uso di Internet, le abitudini di acquisto, l'uso della TV, ecc. Immagina quanto più saprebbero di noi se avessero i nostri risultati sul DNA? Il tuo DNA dice molto su di te oltre la tua discendenza europea o africana: può dirti se sei predisposto ad apprezzare il caffè. Inoltre, i set di dati relativi allo sviluppo di nuovi farmaci sono, abbastanza spesso, infilzati in luoghi sviluppati e urbanizzati, che possono portare a effetti involontari - o addirittura dannosi - su coloro che non rientrano nel set di campioni. Secondo Ananya, la tecnologia che attualmente trasmette i dati di sequenziamento genico è estremamente frammentata. Inoltre, "intermediari" di terze parti, per così dire, fanno pagare commissioni esorbitanti per ottenere informazioni genetiche ai ricercatori adeguati.

G-nome risolve i problemi associati all'editing genetico attraverso un'interfaccia accessibile, nonché un upload e una trasmissione sicuri di dati genomici. G-nome fornisce privacy, consentendo agli utenti (voi) di ricevere un compenso monetario per i contributi. Una volta che l'utente riceve i propri dati genomici, tali dati possono essere caricati sul sito G-nome, quindi distribuiti attraverso il file system InterPlanetary (IPFS), consentendo l'accesso al file solo tramite un codice hash specifico a coloro che dispongono delle autorizzazioni appropriate. La sicurezza è notevolmente aumentata attraverso il sistema IPFS - sicurezza che diventa più sicura man mano che il progetto continua.

La divisione con il suo team ha portato a vincere Ananya Chadha

Quando Ananya ha partecipato al CryptoChicks Hackathon - il primo a cui abbia mai partecipato - era originariamente in una squadra con altre cinque donne, lavorando a un blockchain per il progetto fiscale per il non profit. Trovando il soggetto poco interessante, Ananya si è separata con il suo team, decidendo di concentrarsi sui suoi dati di genomica sulla piattaforma blockchain - G-nome. Ananya attribuisce al suo mentore, Kevin Zhang di Consensys, che le ha fatto capire che avrebbe dovuto perseguire qualcosa di cui è appassionata. Secondo Ananya, ci sono state una serie di sfide coinvolte nel progetto G-nome, tuttavia ritiene che la sua persistenza sia stata ripagata. Dopo la vittoria al Cryptochicks Hackathon, Ananya afferma che c'è stato un "effetto domino". Ha parlato all'EDCON, la Conferenza di sviluppo della comunità Ethereum, quindi ha parlato al vertice del CDO a New York. Ananya ha l'impressione che molte opportunità si siano aperte di recente per lei, inoltre sta pianificando di aggiungere più livelli di crittografia al progetto G-nome, aggiungere una funzione oraclize e quindi far uscire il progetto nel mondo.

“Per me CryptoChicks ha cambiato completamente il mondo. Ha davvero accelerato la mia crescita e mi ha dato accesso a conoscenze, persone e opportunità che non avrei mai ricevuto senza l'organizzazione. Mi ha davvero cambiato la vita in meglio. :)”
Ananya Chadha

Un hub educativo blockchain senza scopo di lucro per le donne, la missione di CryptoChicks è assistere le donne nella tecnologia blockchain attraverso tutoraggio ed educazione. Mentre gli eventi sponsorizzati da CryptoChicks sono aperti a tutti, l'attenzione è rivolta alle donne, poiché la società ritiene che "il coinvolgimento delle donne aiuterà la blockchain a realizzare il suo enorme potenziale come strumento di cambiamento positivo nel mondo".

“Donne come Ananya sono la ragione per cui stiamo organizzando tali hackathon. Sappiamo che la maggior parte dei giovani talenti femminili non ha mai nemmeno sentito parlare della tecnologia blockchain. Il nostro compito è di trovarli, ispirarli, portarli dentro, educarli, connettersi alle persone e alle risorse per farli dirigere nel loro viaggio blockchain. Ananya e altre ragazze che hanno partecipato al nostro hackathon faranno molto e far prosperare questa tecnologia. "
Elena Sinelnikova, fondatrice e CEO di CryptoChicks
"Spero davvero di costruire grandi cose, per consentire agli umani di sopravvivere e vivere le migliori vite possibili :)"
Ananya Chadha
Ananya Chadha

Ananya, non hai bisogno di sperare: stai costruendo grandi cose e sei piuttosto l'ispirazione per i giovani canadesi, le donne e per tutti.

Per tenere il passo con tutti i fantastici progetti a cui Ananya sta lavorando, seguitela su Twitter @ananyachdh

Audrey Nesbitt

Audrey Nesbitt su Linkedin

@ AudreyNesbitt11 su Twitter