Storia della scienza

La scienza è un campo empirico, che sviluppa un corpus di conoscenze osservando le cose ed eseguendo esperimenti.
Possiamo dire con orgoglio che viviamo in un'era scientifica! "InSight" è atterrato su Marte, "Artificial Intelligence (AI)" sta per diventare una realtà e la "Terapia con cellule staminali" non è più un sogno. È attraverso la scienza che l'uomo è riuscito a raggiungere nuovi e radicali sviluppi nei campi fisico, della vita e dell'uomo e anche oggi si stanno sviluppando enormi quantità di nuove tecnologie.

Ti sei mai chiesto come è iniziata questa ricerca scientifica? Come appassionato di scienza sono sempre stato incuriosito dai grandi risultati e dai rapidi progressi compiuti dalla scienza negli ultimi tempi. Ma come è potuto accadere all'inizio e chi sono stati i pionieri di questa grande rivoluzione che ha cambiato il mondo in cui vivono?

Cominciamo con la preistoria e le scoperte più significative delle antiche civiltà ...

  1. Ruote: sebbene gli archeologi non sappiano con certezza chi abbia inventato la ruota, la ruota più antica scoperta è stata trovata in Mesopotamia. È probabile che i Sumeri usarono per la prima volta la ruota per fabbricare ceramiche nel 3500 a.C. e la usarono per i loro carri intorno al 3200 a.C.

2. Scrittura: forse il progresso più importante fatto dai mesopotamici fu l'invenzione della scrittura da parte dei Sumeri. Con l'invenzione della scrittura arrivarono le prime leggi registrate chiamate Codice di Hammurabi.

3. Matematica: i mesopotamici hanno usato un sistema di numeri sessagesimale con la base 60 (come usiamo la base 10). Hanno diviso il tempo per 60 compreso un minuto di 60 secondi e un'ora di 60 minuti, che usiamo ancora oggi. Hanno anche diviso il cerchio in 360 gradi. Avevano una vasta conoscenza della matematica tra cui addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione, equazioni quadratiche e cubiche e frazioni.

In effetti i mesopotamici erano in prima linea nella scienza; furono i primi a usare la ruota del vasaio per produrre ceramiche migliori, usarono l'irrigazione per portare l'acqua ai loro raccolti, usarono il metallo bronzo (e in seguito il ferro metallo) per fabbricare strumenti e armi forti, e usarono telai per tessere tessuti di lana.

4. Simbolo zero e sistema numerico indiano: con il valore decimale del luogo e un simbolo zero, questo sistema era l'antenato del sistema numerico arabo ampiamente utilizzato di oggi. Fu sviluppato nel subcontinente indiano tra il I e ​​il VI secolo d.C. Gli indiani furono i primi a usare lo zero come simbolo e in operazioni aritmetiche, sebbene i babilonesi usassero lo zero per indicare "gli assenti". In quei tempi precedenti uno spazio vuoto era usato per indicare zero, nel 500 CE Aryabhatta ha dato un nuovo simbolo per zero (0).

5.Medicina: gli indiani furono i primi a sviluppare un trattato scientifico di fitoterapia e il suo uso in diversi disturbi. La parola sanscrita Ayurveda significa "conoscenza per la longevità. Le origini dell'Ayurveda risalgono al 5000 a.C., quando nacquero come tradizione orale.

6. Architettura: Vastu shastra sono i testi antichi trovati nel subcontinente indiano che descrivono i principi di design, layout, misure, preparazione del terreno, disposizione dello spazio e geometria spaziale. Gli indiani hanno creato città e templi sontuosi ben pianificati usando questa scienza.

La grande civiltà dell'Indo (indù) ha contribuito in modo significativo al progresso della scienza. Furono i primi metallurgisti a produrre molte nuove leghe. sono stati i primi a usare i servizi igienici a filo e il sistema fognario, ci hanno regalato, bilancia, aratro e inchiostro indiano.

Anche Cina, Egitto e Persia hanno fatto passi da gigante nei sistemi di astronomia, medicina e scrittura.

Continua…