Come il vagare della mente aumenta la tua creatività

Foto di sean Kong su Unsplash

Le tue idee migliori vengono mai da te sotto la doccia? O quando fai una passeggiata nel parco? Le persone affermano spesso che una visione creativa o un pensiero ispiratore sono arrivati ​​a loro mentre erano lontani dai loro banchi di lavoro, spesso durante un momento di relax o addirittura durante un sogno. L'idea di Mary Shelley per Frankenstein è presumibilmente venuta da lei in un sogno nella villa di Lord Byron, e i biografi dei Beatles spiegano che Paul McCartney ha immaginato la melodia per Ieri mentre dormiva a casa della sua ragazza.

Queste affermazioni spesso sembrano storie apocrife, perché è ragionevole aspettarsi che i tuoi risultati più forti vengano dal duro lavoro piuttosto che dalla cieca fortuna. Tuttavia, man mano che impariamo di più sulla scienza del cervello e della mente, il valore creativo delle pause diventa più chiaro.

Quando ci rilassiamo, è probabile che la nostra mente vaghi. Alla nostra scrivania, di solito fissiamo lo schermo di un computer e ci concentriamo attentamente su un problema particolare. In effetti, ci concentriamo spesso su un aspetto limitato del problema. Una focalizzazione ristretta dell'attenzione filtra le distrazioni e ci mantiene su un unico treno coerente di pensieri. Ma quando abbiamo un problema che ci richiede di riunire diverse prospettive diverse o che ci richiede di visualizzare un problema da un punto di vista insolito, la visione a tunnel non è necessariamente una buona cosa. Invece, è allora che una mente errante può essere il nostro protagonista.

Contrariamente alla nostra mentalità da scrivania, le passeggiate all'aperto e le pause dal nostro tipico ambiente di lavoro consentono alla nostra mente di spostarsi un po ', spesso verso cose che sembrano irrilevanti o casuali. A volte, quella mente alla deriva raggiunge un indizio che riporta la nostra mente a tornare al problema del lavoro originale. Se siamo fortunati, potremmo persino imbatterci in un'entusiasmante epifania che ci fa pensare "aha!". In quelle situazioni, il nostro successo deriva dal permettere alla nostra mente rilassata di rimbalzare al di fuori dei confini mentali che imponiamo mentre fissiamo il nostro computer.

In un recente studio pubblicato su Psychological Science, i ricercatori hanno reclutato un gruppo di fisici e scrittori professionisti per completare le voci del diario ogni notte per due settimane. In queste voci, hanno dovuto descrivere la loro idea creativa più importante per il giorno e quindi rispondere alle domande sul contesto che circonda il modo in cui ciascuna idea è emersa.

Le domande relative al contesto hanno indicato se le idee creative si sono verificate spontaneamente durante il pensiero indipendente o se sono derivate da un periodo di duro lavoro continuo incentrato sull'idea. Ad esempio, le persone hanno identificato se ogni idea è venuta in mente mentre erano "assorbiti dall'idea o problema generale" o mentre stavano "pensando a qualcosa di non correlato all'idea o al problema generale". Hanno anche indicato se avevano "lavorato costantemente sul problema / progetto" o se si erano trovati "in un vicolo cieco" quando è venuta in mente la loro idea. Alla fine, hanno espresso se ogni idea sembrava un "aha!" momento e valutato quanto importanti e creativi credessero che ogni idea fosse.

I ricercatori hanno scoperto che il 20% delle idee creative si è verificato durante il pensiero vagante o, più precisamente, spontaneo indipendente dal compito. Un'analisi più approfondita ha suggerito che il vagabondaggio della mente è stato particolarmente utile quando le persone hanno lottato per superare un punto morto nel loro pensiero. In un vicolo cieco, il 26% delle intuizioni creative delle persone è venuto durante il vagabondaggio della mente. Ma quando facevano progressi costanti senza impasse, il vagare nella mente era responsabile solo del 14% delle loro migliori idee.

E la qualità delle idee? Le voci del diario suggerivano che le idee erano ugualmente creative e importanti durante il vagabondaggio della mente e il pensiero relativo alle attività. Non era che il vagare della mente rendesse semplicemente le persone scatenate pensatori felici che accettavano cattive intuizioni come buone idee. Anche in un sondaggio di follow-up, 6 mesi dopo le voci del diario originale, le persone hanno ancora valutato le loro idee erranti come importanti quanto le loro idee sul compito.

In un test finale, i ricercatori hanno studiato specificamente "aha!" idee, che sono state classificate come le idee più importanti e creative in generale. Il 25% di questi momenti di improvvisa ispirazione e intuizione è venuto durante il girovagare della mente, rispetto al solo 16% delle idee senza "aha!" sensazione.

Vale la pena notare che la maggior parte delle idee proviene ancora da un lavoro attento e dedicato; dopo tutto, vagare nella mente è un'attività disorientata, sfocata e irregolare che porta la tua mente in tutti i tipi di luoghi strani. Ma soprattutto, quando si confrontano le origini delle idee più eccitanti con le idee meno entusiasmanti, il vagare nella mente ha favorito la fine appariscente della scala. Quando vagare nella mente funziona, funziona davvero.

Quando ci sentiamo mentalmente bloccati o svuotati alla nostra scrivania, in un vicolo cieco, potremmo trarre vantaggio dalla ricerca di un cambiamento di scenario. Sorprendentemente, nello studio sopra, fisici e scrittori hanno mostrato risultati simili dal vagare nella mente. Ogni giorno, il vagabondaggio della mente aveva maggiori probabilità di salvarli risolvendo le loro impasse piuttosto che aiutare con i loro progressi costanti. Non sembra importare se hai bisogno di un'idea delle leggi fisiche dell'universo o di come il tuo romanzo giallo dovrebbe girare. In entrambi i casi, una mente errante può aiutare a stimolare una visione creativa rivoluzionaria. È una mentalità che porta a più "aha!" E meno deadlock.

In precedenza ho scritto su come specifici processi nel tuo cervello possano spiegare i vantaggi della creatività associati al rilassamento e al vagare della mente. Le onde cerebrali a bassa frequenza, come le onde alfa e theta, sono caratteristiche delle interazioni a lungo raggio nel cervello e del pensiero dall'alto verso il basso. Queste onde compaiono comunemente durante i periodi di rilassamento e possono aumentare le possibilità di una visione creativa durante il riposo. Quando pensiamo troppo a un problema e lottiamo per fare progressi, potrebbe essere utile passare il nostro cervello da uno stato attenzionale ristretto a uno stato errante ampio.

Che tu sia un imprenditore, un artista o qualsiasi tipo di diligente pensatore, è probabile che tu tragga beneficio dall'evitare l'esaurimento causato da un eccesso di concentrazione. A volte, il duro lavoro si trasforma in uno sforzo sprecato. Il vagabondaggio della mente fornisce una fonte potenzialmente ricca di idee fantasiose a cui puoi rivolgerti quando la tua fonte primaria di duro lavoro non la taglia. Facendo una pausa e permettendoti di premere il pulsante di ripristino mentale, dai al tuo cervello le migliori possibilità di fluttuare verso il lampo creativo che hai cacciato. È semplice, davvero: lascia vagare la tua mente.