Nano: tecnologia del futuro

La nanotecnologia, in gran parte denominata nanotecnologia, è un nuovo concetto nel regno della scienza che non ha ancora ottenuto una definizione gradita a tutti gli scienziati che lavorano nell'area.

Gli scienziati che studiano la materia a livello nano, 1–100 nanometri di materiali, affermano che la nanotecnologia è un punto di svolta nell'esplorazione scientifica con una capacità di "porre fine alla morte stessa". Dicono che non ci sono aree di ricerca o di vita reale alle quali la nanotecnologia non possa essere applicata.

Queste applicazioni spaziano dalla costruzione, produzione e stoccaggio di energia al miglioramento della produttività agricola, trattamento e bonifica delle acque, diagnosi delle malattie e consegna dei farmaci, trattamento degli alimenti e rimedi per l'inquinamento dell'aria. Alcune di queste applicazioni sono state presentate in un libro Harnessing Nanotechnology for Sustainable Development in Africa, che è stato lanciato martedì presso il Ministero della Scienza e della Tecnologia.

Il libro, curato da Hailemichael Teshome (Prof.), Cosmas Ochieng (PhD), Guillermo Foladori (PhD) e Dessalegn Mengesha (MD), ha riunito avvocati, esperti e professionisti della salute, scienziati nucleari, geoscienziati e chimici per collaborare alla realizzazione del libro.

Hailemichael, avvocato di professione e professore associato alla Gondar University, che parla scienze fluide quando ne ha bisogno, ritiene che "l'Africa non dovrebbe essere lasciata indietro quando si tratta di ricerche scientifiche come la nanotecnologia".

Sebbene sia un termine hi-tech e non possa essere semplicemente compreso da un laico, Hailemichael afferma che saranno gli agricoltori, i lavoratori dei cantieri e altri a implementare i prodotti della nanotecnologia.

"Ad esempio, possono esserci sensori su nanoscala per misurare il livello di PH, il livello di umidità e la crescita delle colture che possono essere utilizzati dagli agricoltori anche se non conoscono la scienza della nanotecnologia", sostiene Hailemichael.

I materiali delle nanotecnologie possono essere usati per allungare la vita degli aratri e l'efficienza del carburante nei campi coltivati, sostiene, e gli utenti dei materiali non devono effettivamente conoscere la scienza.

Una tecnologia che si dice possa anche aiutare a invertire i cambiamenti climatici e allungare la vita delle mura che cadono del castello di Gondar Fasiledes e le rocce spaccate scavate chiese di Lalibella al loro stato attuale per i prossimi secoli, dovrebbe essere conosciuta almeno in Etiopia da utilizzare nei prodotti che escono dalla tecnologia, sostiene Hailemichael. Ma questo non è privo di rischi, sostiene.

La questione della priorità viene sempre sollevata in relazione alla tecnologia, ma l'adozione di tecnologie è importante per non rimanere indietro e non perdere i benefici che le persone erano soliti ottenere dallo status quo, secondo lui.

“In generale, le leggi e la tecnologia sono opposte. Il secondo è dirompente mentre il primo cerca di mantenere la situazione esistente. È a causa dei rischi associati a tali tecnologie che abbiamo bisogno dei quadri giuridici per seguire la tecnologia; la legge non dovrebbe essere una battuta d'arresto per la tecnologia ma una mano ", spiega Hailemichael.

Persona ottimista, affermativa e programmatica, Hailemichael ritiene che i quadri giuridici dovrebbero essere messi in atto al fine di controllare i rischi che potrebbero derivare dalla sperimentazione nella nanotecnologia.

Il libro che dubita del successo degli Obiettivi di sviluppo del Millennio (OSM) e elogia i successori degli OSM, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) per l'attenzione rivolta alla tecnologia, intende fornire un documento per la ricerca africana sulle nanotecnologie, secondo il condirettore.

Un argomento vicino alla "fantascienza" ha il potenziale per aiutarci a superare le nostre attività quotidiane come l'accesso all'acqua pulita e problemi di salute.

"L'Egitto non dovrebbe preoccuparsi dell'effetto della Grande diga rinascimentale etiopica (GERD) e del suo potenziale impatto sul flusso del fiume a valle", spiega Hailemichael. "Dal momento che sarebbe possibile bere dall'acqua di mare nel prossimo futuro grazie principalmente alla separazione del sale dall'acqua mediante la tecnologia."

A livello di laboratorio, un diamante, un carbonio puro, era stato prodotto utilizzando la nanotecnologia e ci sono piani per commercializzarli. I paesi che dipendono dal diamante estratto dovrebbero accelerare e mettersi al passo con la tecnologia per garantire il loro status.

Per una ricerca sulla nanotecnologia, nel 2010 sono stati spesi in tutto il mondo 400 miliardi di dollari; e gli investimenti statunitensi nel settore hanno ormai superato i 12 miliardi di dollari e si dice che sia la tecnologia del futuro.

Come è apparso su The Reporter