fonte

La scienza e il mito dell'essere degni

La moralità tradizionale lo ha al contrario.

In modo crudele.

Presenta questa idea prevalente che la felicità richiede un pagamento anticipato. Sia cronologicamente che moralmente, il divertimento arriva dopo il lavoro. Prima fatica, poi divertimento.

Soffrire. Quindi ridere.

I monaci si picchiano e si chiudono nelle stanze per giorni e non mangiano né parlano per anni per meritare la felicità nell'aldilà. Le persone che si astengono dal sesso fino al matrimonio per guadagnare il diritto di provare l'estasi.

Per molto tempo, "buono" è stato definito in termini di abnegazione. Essere una persona virtuosa significava massacrare i tuoi desideri.

Per migliaia di anni, un simile atteggiamento avrebbe potuto essere cruciale, dopo che siamo passati dalla raccolta dei cacciatori all'agricoltura - un antropologo di transizione Jared Diamond etichettato come "il peggior errore nella storia dell'umanità" - nutrire e tenere insieme i nostri numeri in crescita.

Ma i tempi sono cambiati.

“La vita moderna non può nemmeno essere paragonata alla vita antica. È sicuro, facile e prospero. "- Matt Ridley, The Rational Optimist

Perciò,

"Non c'è molto della storia a cui vorresti tornare. (A meno che tu non pensi che 40 anni siano una buona età per morire di febbre tifoide.) Rob Wijnberg

Siamo così ricchi che, in massa, possiamo persino permetterci, per citare parzialmente Tyler Durden, "comprare cose che non abbiamo bisogno di impressionare le persone che non ci piacciono".

Molti di noi sono piuttosto dannatamente alti nella piramide di Maslow. È facile dimenticarlo.

Eppure, mentre "dovremmo" essere più felici, non lo siamo.

La morale cambia lentamente.

Moralità

Ricordando questa etica del lavoro protestante, molte persone sembrano ancora credere che, eticamente, la felicità viene dopo il lavoro.

“Con il sudore del tuo viso / mangerai pane”. - Genesi 3:19

Certo, dovremmo contribuire alla società e al lavoro e fare la nostra parte.

Ma l'idea che dovremmo soffrire attraverso il 9 a 5 per meritare che la birra del venerdì sera non abbia alcun senso (più). Tali argomenti su "quanto lavoro è moralmente richiesto" rivelano una semplificazione eccessiva nel nostro concetto ordinario di "lavoro".

Vediamo il "lavoro" come le cose che dobbiamo fare. I nostri obblighi Le nostre spalle. Ha una connotazione negativa.

Nelle parole del leggendario filosofo Alan Watts:

“Sei coinvolto nel complesso in un sistema aziendale molto strano che divide la tua giornata in lavoro e gioco. Il lavoro è qualcosa che fanno tutti e vieni pagato per farlo perché a nessuno potrebbe interessare di meno farlo.
In altre parole, è così abominevole e noioso che puoi essere pagato per farlo. E lo scopo è fare soldi. E l'obiettivo di fare soldi è tornare a casa e goderti i soldi che hai fatto. Quando lo ottieni, vedi "puoi comprare piacere".

Anche questo, potresti rispondere, puzza di una generalizzazione eccessiva e se dovessi dirlo, avresti ragione.

Tuttavia, la teoria di base del ruolo del lavoro nella cultura moderna è ampiamente accurata. Quando pensiamo a qualcosa come un lavoro, pensiamo che non sia qualcosa che possa essere apprezzato.

Ecco perché, penso, libri come The 4-Hour Workweek che promettono una vita libera da qualsiasi lavoro in modo da poterti rilassare su una spiaggia e sorseggiare mojitos per l'eternità sono così popolari in questi giorni.

È giunto il momento di rinunciare a questo modo di pensare.

1. Ignora una differenziazione cruciale

Proprio come va bene non preoccuparsi del "lavoro" senza importanza, in ogni caso, vai avanti e goditi un lavoro significativo e fai molto. Quando vedi argomenti su "quanto lavoro è troppo", allo stesso modo stanno semplificando troppo il concetto di lavoro. Se ami ciò su cui stai lavorando, non c'è motivo per cui non puoi lavorarci più di 40 ore settimanali su di esso.

Ecco un pensiero: trascorrere 60 ore in lavori insignificanti e insoddisfacenti non equivale a trascorrere 60 ore a fare qualcosa che ami e / o rende il mondo un posto migliore.

Questa distinzione non si nota quasi oggi. Mettiamo insieme due tipi di attività che dovrebbero essere separate: il lavoro che deriva dall'inutile fatica del lavoro, e lo sforzo che proviene dal tentativo di raggiungere un obiettivo utile.

Mentre questo è difficile da accettare per molte persone, svolgere un lavoro meno insignificante, in modo da poter trascorrere del tempo su cose di maggiore preoccupazione personale, non è pigrizia.

Insistere su questa distinzione non è peccaminoso, ma autentico.

2. È scientificamente al contrario

A parte il caso morale, esiste anche un argomento empirico sul perché esercitare uno sforzo non dovrebbe essere considerato un prerequisito per la felicità.

Secondo la ricerca psicologica, la felicità viene prima dello spettacolo. Non il contrario.

Ad esempio, gli studi condotti dai ricercatori motivazionali Ayelet Fischbach e Kaitlin Woolley rivelano che il godimento predice meglio la persistenza sugli obiettivi a lungo termine e le risoluzioni del nuovo anno. Le loro analisi dipingono un quadro in base al quale forza di volontà e simili sono meno rilevanti, mentre l'esperienza stessa conta di più.

In effetti, quando vuoi sapere se una persona si atterrà a qualcosa, è più importante sapere se, in realtà, le piace la routine quotidiana piuttosto che sapere quanto sia mentalmente dura.

Estrapolando da tali studi, nel suo famoso discorso sul TED, lo psicologo di Harvard Shawn Achor sostiene un'inversione dell'immagine su cui la prestazione ha la priorità sul benessere:

"Ciò che abbiamo scoperto è che solo il QI prevede il 25% dei successi nel lavoro, il 75% dei successi nel lavoro è previsto dai livelli di ottimismo, supporto sociale e capacità di vedere lo stress come una sfida anziché come una minaccia."

Continua citando la ricerca secondo la quale il tuo cervello in positivo ha prestazioni significativamente migliori rispetto a negativo, neutro o stressato. La tua intelligenza aumenta, la tua creatività aumenta, i tuoi livelli di energia aumentano.

“Il tuo cervello in positivo è il 31% più produttivo del tuo cervello in negativo, neutro o stressato. Sei migliore del 37% nelle vendite. I medici sono il 19 percento più veloci, più precisi nel trovare la diagnosi corretta quando positivi invece che negativi, neutrali o stressati. "

Questo ci dà un caso scientifico per invertire l'ordine per la felicità e le prestazioni: prima sentirsi bene, quindi iniziare a fare le cose da questo spazio dell'essere, e poi vedere come ciò che farai sarà molto più efficace.

Non è inattivo, ma intelligente.

Tutto quello che devi sapere

“Quando divento triste, smetto di essere triste ed essere fantastico invece. Storia vera. ”- Barney, come ho conosciuto tua madre

In conclusione. Molte persone seguono una formula per la felicità e il successo come questo: se lavoro di più, avrò più successo. E se avrò più successo, allora sarò più felice.

Ci sono due errori qui.

Innanzitutto, eticamente, non dobbiamo fare nulla prima di meritare la felicità. La maggior parte delle cose su cui le persone trascorrono il loro orario di lavoro, non rendono comunque la vita migliore. Ciò rende difficile capire perché, ad esempio, la persona che invia e-mail tutto il giorno, abbia quindi in qualche modo più diritto ai sentimenti di soddisfazione rispetto a qualcuno che si è sdraiato a letto guardando Game of Thrones.

Cioè, tranne se era lo sforzo stesso, indipendentemente dalla sua utilità, da cosa stava per iniziare. Ma è un'idea ridicola. Una falsa narrativa culturale.

E in secondo luogo, la ricerca mostra che se prima cambiamo la nostra felicità, allora siamo in una posizione molto migliore per influenzare positivamente quanto valore aggiungiamo alla società.

"Ma", dici, "non ho bisogno di qualcosa per sentirsi bene? Qualcosa che mi fa sentire felice? ”

Ecco il problema, e presta attenzione perché penso che questa sia una delle scoperte psicologiche più importanti sulla vita e sulla natura umana di questo secolo: no, non lo fai.

La ricerca in psicologia positiva mostra che l'atteggiamento [se → allora] che coltiviamo nei confronti della felicità è arretrato. Ti senti bene non perché il mondo ha ragione, ma il tuo mondo ha ragione perché ti senti bene.

Ecco di nuovo Achor:

“[Supponiamo] che il nostro mondo esterno sia predittivo dei nostri livelli di felicità, quando in realtà, se so tutto del tuo mondo esterno, posso solo prevedere il 10% della tua felicità a lungo termine. Il 90 percento della tua felicità a lungo termine non è previsto dal mondo esterno, ma dal modo in cui il tuo cervello elabora il mondo. "

Non è la realtà che ci modella, ma l'obiettivo attraverso il quale il tuo cervello osserva il mondo che modella la tua realtà.

Quindi vuoi avere successo? Quindi prima diventa un esperto di come stare bene.

È la felicità che dovrebbe essere la tua priorità numero uno.

C'è di più

Se vuoi che vengano contestate più delle tue assunzioni, iscriviti al mio blog personale. Riceverai una dose settimanale di idee che espandono la mente in modo simile.