Comprensione dei telescopi

Originariamente pubblicato sul sito Web di Scott Anderson: Science for People nel 2004

introduzione

Gli obiettivi principali di questo articolo sono spiegare come funzionano i telescopi, quali sono i principali tipi e categorie e come puoi scegliere al meglio un telescopio per te o un giovane astronomo in erba in mezzo a te. Esamineremo alcuni principi di base, i principali tipi di sistemi ottici, montaggi, manufatti e, naturalmente, cosa si può effettivamente vedere e fare con un determinato telescopio.

Penso che sia importante sottolineare alcune cose all'inizio: mentre l'astronomia può essere un hobby casuale, tende a non esserlo. Genera rapidamente passione e quando gli astro-geek si uniscono, la passione si rinforza. I pianeti, le stelle, i cluster, le nebulose e lo spazio stesso sono cose profonde, un'esperienza in attesa di accadere. Quando ti succede, sii pronto per la tua vita e la prospettiva quotidiana di essere alterata dalla natura generale del cosmo. Quando comprenderai appieno la scala fisica delle stelle e delle galassie e il ruolo che la luce (aka "radiazione elettromagnetica") svolge nella nostra comprensione, sarai cambiato.

Quando hai l'esperienza di sapere che un singolo fotone ha viaggiato dal sole per diverse ore (alla velocità della luce), ha colpito un cristallo di ghiaccio negli anelli di Saturno, e poi ha riflesso indietro per diverse ore, passando attraverso l'ottica del tuo telescopio sistema, attraverso l'oculare, e sulla tua retina, sarai davvero stupito. Hai appena sperimentato la percezione della "fonte primaria", non una fotografia sul Web o sulla TV, ma il vero affare.

Una volta che questo bug ti morde, potresti aver bisogno di una consulenza per impedirti di vendere tutto ciò che possiedi al fine di ottenere un telescopio più grande. Sei stato avvertito.

Regole di ingaggio

Prima di esaminare in dettaglio l'attrezzatura e i principi, ci sono alcuni miti diffusi che richiedono chiarimenti e correzioni. Queste sono alcune regole che dovresti seguire:

· Non acquistare un telescopio "grande magazzino": mentre il prezzo può sembrare giusto e le immagini sulla confezione sembrano convincenti, i piccoli telescopi che si trovano nei negozi al dettaglio sono di qualità costantemente scadente. I componenti ottici sono spesso in plastica, i supporti sono traballanti e impossibili da indicare e non esiste un "percorso di aggiornamento" o la possibilità di aggiungere accessori.

· Non si tratta di ingrandimento: l'ingrandimento è l'aspetto più esagerato utilizzato per attirare acquirenti non informati. In realtà è uno degli aspetti meno importanti ed è qualcosa che controlli in base alla tua scelta di oculari. L'ingrandimento più utilizzato sarà un oculare a bassa potenza con un ampio campo visivo. L'ingrandimento non solo ingrandisce l'oggetto, ma anche le vibrazioni del telescopio, i suoi difetti ottici e la rotazione della terra (rendendo difficile il tracciamento). Molto più importante dell'ingrandimento è il potere di raccolta della luce. Questa è una misura di quanti fotoni raccoglie l'oscilloscopio e quanti arrivano alla retina. Maggiore è il diametro dell'elemento ottico primario (lente o specchio) del telescopio, maggiore è il potere di raccolta della luce e gli oggetti più deboli che sarai in grado di vedere. Ne parleremo più avanti. Infine, la risoluzione del tuo telescopio è anche più importante dell'ingrandimento. La risoluzione è una misura della capacità del tuo sistema ottico di discernere e separare caratteristiche vicine tra loro, come la divisione di doppie stelle o la visualizzazione di dettagli nelle cinture di Giove. Sebbene la risoluzione teorica sia determinata dal diametro del tuo elemento ottico primario (lente o specchio), risulta che l'atmosfera, e persino il tuo occhio, può essere molto più importante. Ne parleremo anche più tardi.

· Il puntamento del computer non è necessario: negli ultimi anni, i supporti avanzati con GPS e i sistemi di puntamento e localizzazione del computer sono diventati maggiorenni. Questi sistemi aumentano significativamente il costo del telescopio e non aggiungono molto valore ai principianti. In effetti, possono essere dannosi. Parte della ricompensa di questo hobby è sviluppare un rapporto intimo con il cielo: apprendere le costellazioni, le singole stelle e i loro nomi, il movimento dei pianeti e le posizioni di numerosi interessanti oggetti del cielo profondo. Per i drogati di tecnologia con laptop dotati di software di pianificazione dell'osservazione, i supporti di puntamento del computer possono essere divertenti. Ma non considerarlo una decisione d'acquisto critica per un primo telescopio.

· Se sei solo curioso: non correre fuori e comprare un telescopio. Esistono molti modi per acquisire maggiore familiarità con l'hobby, tra cui le "sessioni di osservazione pubblica" dell'osservatorio locale, le star star locali organizzate dai club di astronomia e gli amici di amici che potrebbero già essere immersi nell'hobby. Dai un'occhiata a queste risorse e al Web, prima di decidere se spendere centinaia di dollari per ottenere un telescopio.

Sistemi ottici

I telescopi funzionano focalizzando la luce da oggetti distanti per formare un'immagine. Un oculare quindi ingrandisce l'immagine per l'occhio. Esistono due modi principali per formare un'immagine: rifrazione della luce attraverso una lente o riflessione della luce su uno specchio. Alcuni sistemi ottici utilizzano una combinazione di questi approcci.

I rifrattori usano un obiettivo per focalizzare la luce in un'immagine, e in genere sono i tubi lunghi e sottili che la maggior parte delle persone pensa quando immaginano un telescopio.

Un semplice obiettivo focalizza i raggi di luce paralleli (provenienti, essenzialmente, dall'infinito su un piano dell'immagine

I riflettori utilizzano uno specchio concavo per focalizzare la luce.

I catadiottrici usano una combinazione di lenti e specchi per formare un'immagine.

Esistono vari tipi di catadiottrici che verranno trattati in seguito.

concetti

Prima di esaminare vari tipi di rifrattori e riflettori, ci sono alcuni concetti utili che aiutano nella comprensione generale:

· Lunghezza focale: la distanza dall'obiettivo primario o dallo specchio al piano focale.

· Apertura: una parola di fantasia per il diametro del primario.

· Rapporto focale: il rapporto della lunghezza focale diviso per l'apertura del primario. Se hai dimestichezza con gli obiettivi della fotocamera, conosci F / 2.8, F / 4, F / 11, ecc. Questi sono i rapporti focali che, negli obiettivi della fotocamera, vengono modificati regolando “F-stop”. L'F-stop è un diaframma regolabile all'interno dell'obiettivo che modifica l'apertura (mentre la lunghezza focale è costante). I rapporti F bassi sono chiamati "veloci", mentre i rapporti F grandi sono "lenti". Questa è una misura della quantità di luce che colpisce il film (o il tuo occhio) rispetto alla lunghezza focale.

· Lunghezza focale effettiva: per i sistemi ottici composti (che impiegano un elemento secondario attivo), la lunghezza focale effettiva del sistema ottico è in genere molto più grande della lunghezza focale del primario. Questo perché la curvatura del secondario ha un effetto moltiplicatore sul primario, una sorta di "braccio a leva" ottico, che consente di adattare un sistema ottico a lunghezza focale elevata in un tubo molto più corto. Questo è un importante vantaggio dei sistemi ottici composti come la popolare Schmidt-Cassigrain.

· Ingrandimento: l'ingrandimento viene determinato dividendo la lunghezza focale della primaria (o della lunghezza focale effettiva) per la lunghezza focale dell'oculare.

· Campo visivo: esistono due modi per considerare il campo visivo (FOV). Il FOV reale è la misurazione angolare della macchia di cielo che si può vedere nell'oculare. L'apparente FOV è la misurazione angolare del campo che l'occhio vede nell'oculare. Un campo visivo effettivo potrebbe essere di mezzo grado a bassa potenza, mentre il campo apparente potrebbe essere di 50 gradi. Un altro modo per calcolare l'ingrandimento è dividere il FOV apparente per il FOV effettivo. Ciò si traduce esattamente nello stesso numero del metodo della lunghezza focale sopra descritto. Mentre i FOV apparenti sono prontamente ottenuti dalle specifiche di un determinato oculare, l'attuale FOV è più difficile da trovare. La maggior parte delle persone calcola l'ingrandimento in base alla lunghezza focale, quindi calcola l'effettivo FOV prendendo il FOV apparente e dividendolo per l'ingrandimento. Per un FOV apparente di 50 gradi a 100X, il campo effettivo è di ½ grado (circa la dimensione della luna).

· Collimazione: la collimazione si riferisce all'allineamento dell'intero sistema ottico, assicurandosi che le cose siano correttamente allineate e che la luce stia formando una messa a fuoco ideale. Una buona collimazione è fondamentale per ottenere buone immagini nell'oculare. Diversi design del telescopio presentano vari punti di forza e di debolezza rispetto alla collimazione.

Tipi di rifrattori

Potresti chiederti: "Perché ci sono diversi tipi di rifrattori?" Il motivo è a causa di un fenomeno ottico noto come "aberrazione cromatica".

"Cromatico" significa "colore" e l'aberrazione è dovuta al fatto che la luce, quando passa attraverso determinati mezzi come il vetro, subisce "dispersione". La dispersione è una misura di come diverse lunghezze d'onda della luce sono rifratte da diverse quantità. L'effetto classico della dispersione è l'azione di un prisma o cristallo che crea arcobaleni sul muro. Man mano che le diverse lunghezze d'onda della luce vengono rifratte da quantità diverse, la luce (bianca) si diffonde formando l'arcobaleno.

Sfortunatamente, questo fenomeno influenza anche le lenti nei telescopi. I primi telescopi, usati da Galileo, Cassini e simili, erano semplici sistemi di lenti a elemento singolo che soffrivano di aberrazione cromatica. Il problema è che la luce blu viene messa a fuoco in una posizione (distanza dalla primaria), mentre la luce rossa viene messa a fuoco in una posizione diversa. Il risultato è che se focalizzi un oggetto sul fuoco blu, avrà un “alone” rosso attorno ad esso. L'unico modo noto al momento per ridurre questo problema è di allungare la lunghezza focale del telescopio, forse F / 30 o F / 60. Il telescopio usato da Cassini quando scoprì che la Divisione di Cassini negli anelli di Saturno era lunga più di 60 piedi!

Nel 1700, Chester Moor Hall sfruttò il fatto che diversi tipi di vetro hanno diverse quantità di dispersione, misurate dal loro indice di rifrazione. Ha combinato due elementi dell'obiettivo, uno di vetro selce e un altro di corona, per creare la prima lente "acromatica". Acromatico significa "senza colore". Usando due tipi di vetro con diversi indici di rifrazione e avendo quattro curvature superficiali da manipolare, ha prodotto un notevole miglioramento delle prestazioni ottiche dei rifrattori. Non dovevano più essere strumenti estremamente lunghi e i successivi sviluppi nel corso dei secoli hanno ulteriormente affinato la tecnica e le prestazioni.

Mentre l'achromat riduceva notevolmente il falso colore nell'immagine, non lo eliminava completamente. Il design può unire i piani focali rosso e blu, ma gli altri colori dello spettro sono ancora leggermente sfocati. Ora il problema è l'alone viola / giallo. Ancora una volta, allungare il rapporto f (come F / 15 o giù di lì), aiuta notevolmente. Ma questo è ancora un lungo strumento "lento". Anche un acromatico da 3 "F / 15 ha un tubo lungo circa 50".

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno creato nuovi tipi esotici di vetro con bassissima dispersione. Questi occhiali, noti collettivamente come "ED", riducono notevolmente il falso colore. La fluorite (che in realtà è un cristallo) non ha praticamente alcuna dispersione e viene ampiamente utilizzata in strumenti di piccole e medie dimensioni, sebbene a costi molto elevati. Infine, sono ora disponibili ottiche avanzate che impiegano tre o più elementi. Questi sistemi offrono al progettista ottico una maggiore libertà, con 6 superfici da manipolare e forse tre indici di rifrazione. Il risultato è che più lunghezze d'onda della luce possono essere portate sullo stesso fuoco, eliminando quasi completamente il falso colore. Questi gruppi di sistemi di lenti sono noti come "apocromatici", che significa "senza colore, e questa volta lo intendiamo davvero". La scorciatoia per le lenti apocromatiche è "APO". I progetti di telescopi rifrattori che utilizzano APO sono ora in grado di ottenere bassi rapporti focali (da F / 5 a F / 8) con eccellenti prestazioni ottiche e nessun falso colore; tuttavia, preparati a spendere da 5 a 10 volte la quantità di denaro che comprerebbe lo stesso diametro acromatico.

In generale, alcuni vantaggi del rifrattore includono un design a "tubo chiuso", che aiuta a minimizzare le correnti di convezione (che possono degradare le immagini) e offre un sistema che raramente necessita di allineamento. Disimballalo, installalo e sei pronto per partire.

Tipi di riflettori

Il vantaggio principale del design del telescopio riflettente è che non soffre di falsi colori: uno specchio è intrinsecamente acromatico. Tuttavia, se si osserva il diagramma sopra per il riflettore, si noterà che il piano focale si trova direttamente davanti allo specchio primario. Se si posiziona un oculare lì (e la testa), interferirà con la luce in arrivo.

Il primo utile disegno per un riflettore, e ancora più popolare, è stato inventato da Sir Isaac Newton, ora chiamato il riflettore "newtoniano". Newton posizionò un piccolo specchio piatto con un angolo di 45 gradi per deviare il cono di luce sul lato del tubo ottico, permettendo all'oculare e all'osservatore di rimanere fuori dal percorso ottico. Lo specchio diagonale secondario interferisce ancora con la luce in arrivo, ma solo minimamente.

Sir William Herschel costruì diversi grandi riflettori che utilizzavano la tecnica dei piani focali "fuori asse", ovvero deviando il cono di luce dal lato primario a un lato in cui l'oculare e l'osservatore potevano operare senza interferire con la luce in arrivo. Questa tecnica funziona, ma solo per rapporti f / lunghi, come vedremo tra un minuto.

Il più grande e famoso dei telescopi di Herschel era un telescopio riflettore con uno specchio primario da 49 1⁄2 pollici di diametro (1,26 m) e una lunghezza focale di 40 piedi (12 m).

Mentre lo specchio ha conquistato il problema del colore, ha alcuni problemi interessanti. La messa a fuoco di raggi di luce paralleli su un piano focale richiede una forma parabolica sullo specchio primario. Si scopre che le parabole sono piuttosto difficili da generare, rispetto alla facilità di generare una sfera. L'ottica sferica pura soffre dei fenomeni di "aberrazione sferica", fondamentalmente una sfocatura delle immagini sul piano focale perché non sono parabole. Tuttavia, se il rapporto f del sistema è sufficientemente lungo (più di circa F / 11), la differenza tra la forma della sfera e la parabola è minore di una frazione della lunghezza d'onda della luce. Herschel costruì strumenti a lunghezza focale lunga che potevano trarre vantaggio dalla facilità di generazione di sfere e utilizzare il design fuori asse per l'osservazione. Sfortunatamente, ciò significava che i suoi telescopi erano piuttosto grandi e ha trascorso molte ore a osservare su una scala da 40 piedi.

Diversi inventori hanno creato ulteriori riflettori "composti", impiegando un secondario per far passare la luce attraverso un foro nello specchio primario. Alcuni di questi tipi sono il Gregoriano, il Cassegrain, il Dall-Kirkham e il Ritchey-Cretchien. Tutti questi sono sistemi ottici piegati, in cui il secondario svolge un ruolo importante nella creazione di lunghezze focali efficaci lunghe e differiscono principalmente per i tipi di curvatura impiegati sul primario e sul secondario. Alcuni di questi progetti sono ancora favoriti per gli strumenti di osservazione professionali, ma pochi sono oggi disponibili in commercio per l'astronomo dilettante.

La presenza di uno specchio secondario è un aspetto importante dei newtoniani, e in effetti quasi tutti i progetti di riflettori e catadiottrici. Innanzitutto, il secondario stesso ostruisce una piccola parte dell'apertura disponibile. In secondo luogo, qualcosa deve mantenere il secondario in posizione. Nei disegni puramente riflettenti, questo di solito si ottiene con l'uso di sottili palette di metallo in una croce, chiamate "ragno". Questi sono realizzati il ​​più sottili possibile per ridurre al minimo l'ostruzione. Nei progetti catadiottrici, il secondario è montato sul posto del correttore e quindi non è coinvolto alcun ragno. La piccola perdita di potenza di raccolta della luce in questi progetti non ha quasi alcuna conseguenza poiché pollice per pollice, i riflettori sono meno costosi dei rifrattori e puoi permetterti di acquistare uno strumento leggermente più grande. Tuttavia, un effetto chiamato "diffrazione" è più importante della preoccupazione del potere di raccolta della luce. La diffrazione è causata quando la luce passa vicino ai bordi delle cose sulla sua strada verso il primario, facendole piegare e cambiare leggermente direzione. Inoltre, i secondari e i ragni causano luce diffusa - la luce proveniente dall'asse fuori asse (cioè non parte della macchia di cielo che si sta visualizzando) e rimbalza sulle strutture e dentro e intorno al sistema ottico. Il risultato della diffrazione e della dispersione è una piccola perdita di contrasto: il cielo di sfondo non è così "nero" come sarebbe nello stesso rifrattore di dimensioni (di uguale qualità ottica). Non preoccuparti: basta un osservatore esperto per notare la differenza, e si nota solo in circostanze ideali.

Tipi di catadiottrici

Uno dei problemi con i disegni ottici a riflessione pura è l'aberrazione sferica, come notato sopra. L'obiettivo di progettazione della catadiottrica è sfruttare la facilità di generare ottiche sferiche, ma risolvere il problema dell'aberrazione sferica con una piastra correttrice - una lente, leggermente curva (e quindi generare una minima aberrazione cromatica), per correggere il problema.

Ci sono due design popolari che raggiungono questo obiettivo: Schmidt-Cassegrain e Maksutov. Schmidt-Cassegrains (o "SC") sono forse il tipo più popolare di telescopio composto oggi. Tuttavia, negli ultimi anni i produttori russi hanno fatto notevoli progressi con vari design "Mak", compresi i sistemi ottici piegati e una variante newtoniana - il "Mak-Newt".

La bellezza del design piegato di Mak è che tutte le superfici sono sferiche e il secondario è formato semplicemente alluminando un punto sul retro del correttore. Ha una lunghezza focale effettiva lunga in un pacchetto molto piccolo ed è un disegno preferito per l'osservazione planetaria. Mak-Newt può raggiungere rapporti focali abbastanza veloci (F / 5 o F / 6) usando l'ottica sferica, senza la necessità della figuratura ottica (manuale) necessaria per le parabole. Allo stesso modo la Schmidt-Cassigrain ha una variante newtoniana, che la rende una Schmidt-Newtoniana. Questi hanno tipicamente rapporti focali rapidi, intorno a F / 4, che li rendono ideali per l'astrografia: grande apertura e ampio campo visivo.

Infine, entrambi i progetti Mak producono tubi chiusi, riducendo al minimo le correnti di convezione e la raccolta di polvere sulle primarie.

Tipi di oculari

Esistono più modelli di oculari di quanti ne siano i telescopi. La cosa più importante da tenere a mente è che l'oculare è la metà del sistema ottico. Alcuni oculari costano quanto un piccolo telescopio e in genere ne valgono la pena. Negli ultimi due decenni si è assistito alla nascita di una varietà di modelli di oculari avanzati che utilizzano molti elementi e vetri esotici. Ci sono molte considerazioni da fare nella scelta di un design appropriato per il tuo telescopio, i tuoi usi e il tuo budget.

Esistono tre principali standard di formato per gli oculari del telescopio: 0,956 ", 1,25" e 2 ". Questi si riferiscono ai diametri del barilotto dell'oculare e al tipo di focheggiatore in cui si adattano. Il formato più piccolo da 0,965 "si trova più comunemente sui telescopi per principianti di importazione asiatica presenti nelle catene di negozi. Questi sono generalmente di bassa qualità e quando arriva il momento di aggiornare il sistema, sei sfortunato. Non comprare un telescopio da grande magazzino !. Gli altri due formati sono il sistema preferito oggi in uso dalla maggior parte degli astronomi dilettanti di tutto il mondo. La maggior parte dei telescopi intermedi o avanzati viene fornita con un focheggiatore da 2 "e un semplice adattatore che accetta anche oculari da 1,25". Se prevedi di ottenere un telescopio di dimensioni modeste e di portarlo nei cieli scuri per osservare nebulose e ammassi, vorrai alcuni dei migliori oculari da 2 "e dovresti assicurarti di ottenere un focheggiatore da 2".

Gli oculari sono costruiti con lenti e quindi abbiamo lo stesso problema di aberrazione cromatica che abbiamo avuto nel caso del rifrattore. Il design dell'oculare si è evoluto nel corso dei secoli al passo con i progressi complessivi dell'ottica e del vetro. I moderni design degli oculari utilizzano acromatici ("doppietti") e design più avanzati (che coinvolgono "triplette" e altro), insieme al vetro ED per massimizzare le loro prestazioni.

Uno dei disegni ottici originali venne da Christian Huygens nel 1700 che utilizzava due lenti semplici (non acromatiche). Più tardi, la Kellner impiegò un doppietto e una lente semplice. Questo design è ancora popolare nei telescopi per principianti a basso costo. La Orthoscopic era un design popolare per tutto il 1900 ed è ancora favorita dagli osservatori planetari. Più recentemente, Plossils ha guadagnato il favore grazie al campo visivo apparente leggermente più ampio.

Negli ultimi due decenni, sfruttando i progressi nel campo del vetro, della progettazione ottica e del software di ray-tracing, i produttori hanno introdotto una vasta gamma di nuovi progetti, la maggior parte dei quali tenta di massimizzare il campo visivo apparente (che aumenta anche il campo effettivo di visualizzare a un determinato ingrandimento). Gli oculari prima erano limitati a un FOV apparente di 45 o 50 gradi.

Il primo di questi è il "Nagler" (progettato da Al Nagler di TeleVue), che è anche soprannominato l'oculare "Space-Walk". Fornisce un FOV apparente di oltre 82 gradi, dando la sensazione di immersione. Il FOV è in realtà più grande di quello che il tuo occhio può catturare durante uno sguardo. Il risultato è che devi effettivamente "guardarti intorno" per vedere tutto sul campo. Numerosi altri produttori hanno prodotto oculari di campo simili e molto ampi solo negli ultimi cinque anni, variando da 60 gradi a 75 gradi in FOV apparente. Molti di questi offrono un valore eccellente e producono un'esperienza di gran lunga migliore per gli osservatori casuali rispetto ai design di fascia bassa forniti con la maggior parte dei telescopi per principianti (dove la sensazione è come guardare attraverso un tubo di carta da imballaggio).

Un'ultima considerazione nella selezione dell'oculare è il “sollievo dell'occhio”. Il sollievo dell'occhio si riferisce alla distanza che l'occhio deve raggiungere dalla lente dell'oculare per poter vedere l'intero FOV apparente. Uno degli svantaggi di progetti come Kellner e Orthoscopic è un limitato sollievo per gli occhi, a volte anche di soli 5 mm. Questo di solito non infastidisce le persone con vista normale, o quelli che sono semplicemente miopi o lungimiranti, perché possono rimuovere gli occhiali e usare il telescopio per mettere a fuoco idealmente per la loro visione. Ma per alcune persone con astigmatismo, i loro occhiali non possono essere semplicemente rimossi, e questo introduce la necessità di adattarsi alla distanza aggiuntiva richiesta dai loro occhiali e consentire comunque loro di vedere l'intero campo. In genere, il sollievo degli occhi di oltre 16 mm è adeguato per la maggior parte dei portatori di occhiali. Molti dei nuovi design ad ampio campo sfoggiano un rilievo per gli occhi di 20 mm o più. Ancora una volta, l'oculare è la metà del sistema ottico. Assicurati di abbinare la selezione dell'oculare alla qualità generale dell'ottica e alle tue esigenze di osservatore individuale.

Disegni popolari del telescopio

I rifrattori acromatici sono popolari nella gamma da F / 9 a F / 15, con aperture da 2 "a 5" a costi ragionevoli. Esistono diversi acromatici veloci (F / 5) offerti come telescopi "a campo ricco" perché offrono ampi campi visivi a bassa potenza, ideali per spazzare la Via Lattea. Questi disegni mostreranno un falso colore sostanziale sulla luna e sui pianeti luminosi, ma questo non sarà evidente sugli oggetti del cielo profondo. Per ottenere sia un'ottica veloce che nessun falso colore, devi scegliere un design APO a costi considerevoli. Gli APO sono disponibili da produttori selezionati (spesso con lunghe liste di attesa) in design da F / 5 a F / 8, in aperture da 70mm a 5 "o 6". I più grandi sono molto costosi (oltre $ 10.000) e sono il dominio dei veri fanatici dell'hobby.

I popolari design newtoniani vanno dai ricchi F / 4 da 4,5 "ai classici 6" F / 8, probabilmente il più popolare telescopio entry-level. I riflettori più grandi (8 "F / 6, 10" F / 5 e così via) stanno guadagnando ampia popolarità a causa del basso costo e della portabilità del supporto "Dobsonian" (ne parleremo più avanti) e della crescente disponibilità di numerosi produttori, tra cui offerte di kit. I newtoniani di grandi dimensioni tendono ad avere rapporti f / più rapidi per tenere sotto controllo la lunghezza del tubo. Mak-Newts si trovano principalmente nella gamma F / 6.

Schmidt-Cassegrain è probabilmente il design più popolare con i dilettanti più avanzati: il venerabile 8 ”F / 10 SC è stato un classico per 3 decenni. La maggior parte degli SC sono F / 10, sebbene alcuni F / 6.3 siano sul mercato. Il problema con gli SC veloci è che il secondario deve essere significativamente più grande, ostruendo il 30% o più. Nel complesso, il design F / 10 è ideale per un mix generale di osservazione del cielo profondo, planetario e lunare.

I Maksutov emergenti sono generalmente nella gamma da F / 10 a F / 15, il che li rende sistemi ottici un po 'lenti che tendono a non essere l'ideale per la visione espansiva della Via Lattea e del cielo profondo. Tuttavia, sono sistemi ideali per l'osservazione planetaria e lunare, in concorrenza con APO molto più costose della stessa apertura.

Monti

Il supporto del telescopio è sicuramente altrettanto importante, se non più importante, del sistema ottico. Le ottiche migliori sono prive di valore a meno che non sia possibile tenerle ferme, puntarle con precisione e apportare regolazioni precise nel puntamento senza annullare vibrazioni o gioco. Esistono numerosi design di montaggio, alcuni ottimizzati per la portabilità, altri ottimizzati per il monitoraggio motorizzato e computerizzato. Esistono due categorie di base per i disegni di montature: alti-azimut ed equatoriali.

Alti-Azimuth

I montaggi Alti-azimut hanno due assi di movimento: su e giù (alti) e lateralmente (azimut). Una tipica testa per treppiede è una specie di montatura alti-azimutale. Molti piccoli rifrattori sul mercato utilizzano questo design e presenta i vantaggi di essere convenienti per la visione terrestre e per la visione del cielo. Forse la montatura alto-azimutale più importante è il “Dobsonian”, usato quasi esclusivamente per i riflettori newtoniani di medie e grandi dimensioni.

John Dobson è una figura leggendaria nella comunità astronomica di San Francisco Sidewalk. Venti anni fa, John era alla ricerca di un design telescopico che fosse altamente portatile e offrisse la possibilità di portare al pubblico strumenti abbastanza grandi (aperture da 12 "a 20"), letteralmente sui marciapiedi di San Francisco. Le sue tecniche di progettazione e costruzione hanno creato una rivoluzione nell'astronomia amatoriale. I "Big Dobs" sono ora uno dei progetti di telescopi più popolari visti alle star star di tutto il mondo. La maggior parte dei venditori di telescopi offre oggi una linea di progetti dobsoniani. Prima di questo, anche un riflettore da 10 "su una montatura equatoriale era considerato uno strumento" osservatorio "- in genere non lo si spostava a causa della montatura pesante.

In generale, i disegni alti-azimutali sono più piccoli e più leggeri dei supporti equatoriali che offrono lo stesso livello di stabilità. Tuttavia, per tracciare gli oggetti mentre la Terra ruota richiede movimento su due assi della montatura anziché solo su uno come per i disegni equatoriali. Con l'avvento del controllo computerizzato, molti fornitori offrono ora alti-azimut che possono seguire le stelle, con alcuni avvertimenti. Un innesto a 2 assi soffre di "rotazione del campo" per lunghi periodi di tracciamento, il che significa che questo design non è adatto per l'astrofotografia.

Equatoriale

I montaggi equatoriali hanno anche due assi, ma uno degli assi (l'asse "polare") è allineato con l'asse di rotazione della Terra. L'altro asse è chiamato asse di "declinazione" ed è ad angolo retto rispetto all'asse polare. Il vantaggio principale di questo approccio è che la montatura può tracciare oggetti nel cielo ruotando solo l'asse polare, semplificando il tracciamento ed evitando il problema della rotazione del campo. I montaggi equatoriali sono abbastanza obbligatori per gli sforzi di astrofotografia e imaging. I montaggi equatoriali devono anche essere "allineati" all'asse polare terrestre quando sono installati, rendendo il loro uso un po 'meno conveniente rispetto ai disegni alti-azimutali.

Esistono diversi tipi di montature equatoriali:

· Equatoriale tedesco: il design più popolare per oscilloscopi di piccole e medie dimensioni, offre grande stabilità, ma richiede contrappesi per bilanciare il telescopio attorno all'asse polare.

· Supporti forcella: design popolare per Schmidt-Cassegrains, con la base della forcella rappresentata dall'asse polare e i bracci della forcella declinati. Non sono necessari contrappesi. I design delle forche possono funzionare bene, ma di solito sono grandi rispetto al telescopio; i design con forcella piccola sono soggetti a vibrazioni e flessioni. I design delle forche hanno difficoltà a puntare vicino al polo celeste nord.

· Supporti per tuorlo: simili al design della forcella, ma le forche continuano oltre il telescopio e si uniscono sopra il telescopio in un secondo cuscinetto polare, offrendo una migliore stabilità sulla forcella, ma risultando in una struttura abbastanza massiccia. I disegni del tuorlo furono usati in molti dei grandi osservatori del mondo nel 1800 e nel 1900.

· Supporti a ferro di cavallo: una variante del tuorlo, ma impiega un cuscinetto polare molto grande con un'apertura a forma di U all'estremità superiore, che consente al tubo del telescopio di puntare verso il polo celeste nord. Questo è il design utilizzato sul telescopio Hale 200 ”sul monte. Palomar.

Considerazioni chiave per i supporti

Come detto, l'attacco del telescopio è una parte critica dell'intero sistema. Quando si sceglie un telescopio, le considerazioni di montaggio svolgono un ruolo importante nella capacità e nella volontà di utilizzarlo, e alla fine governano i tipi di attività che è possibile intraprendere (ad es. Astrofotografia, ecc.). Di seguito sono riportate alcune delle considerazioni chiave che dovresti fare.

· Portabilità: supponendo che non si disponga di un osservatorio nel cortile, si sposterà e trasporterà il telescopio in un sito di osservazione. Se hai cieli scuri con un inquinamento luminoso minimo dove vivi, questo può significare solo spostare il telescopio dall'armadio o dal garage nel cortile sul retro. Se hai un notevole inquinamento luminoso, vorrai portare il tuo campo di applicazione in un sito dal cielo scuro, preferibilmente sulla cima di una montagna da qualche parte. Ciò implica il trasporto dell'ambito in auto. Una montatura grande e pesante può rendere questo un lavoro ingrato. Inoltre, se l'astrofotografia non è una considerazione principale, il compito di impostare e allineare una montatura equatoriale potrebbe non valere la pena.

· Stabilità: la stabilità della montatura viene misurata dalla quantità di vibrazioni che il telescopio sperimenta quando "spinge", quando mette a fuoco, cambia gli oculari o quando soffia una leggera brezza. Il tempo impiegato per smorzare queste vibrazioni dovrebbe essere di circa 1 secondo circa. I monti Dobsoniani hanno generalmente un'eccellente stabilità. Anche gli equatoriali tedeschi e i supporti a forcella, se correttamente dimensionati al telescopio, mostrano una buona stabilità, sebbene tendano a pesare più del telescopio stesso con un margine significativo.

· Puntamento e tracciamento: per godere davvero dell'osservazione, il telescopio deve essere facile da puntare e mirare e la montatura dovrebbe permetterti di tracciare con attenzione l'oggetto che stai osservando, o spingendo il telescopio, usando i controlli al rallentatore manuali, oppure con un motore di tracciamento (un "clock drive"). Maggiore è l'ingrandimento che stai utilizzando (come per le osservazioni planetarie o la divisione di doppie stelle), più critico è il comportamento di tracciamento della montatura. Il gioco è una buona misura dell'abilità di tracciamento della montatura: quando spingi o muovi leggermente lo strumento, rimane dove lo hai puntato o si sposta leggermente indietro? Il gioco può essere un comportamento frustrante di una montatura e di solito significa che la montatura è fabbricata male o è troppo piccola per il telescopio che hai montato.

È difficile farsi un'idea del comportamento di montaggio da un catalogo o sito Web. Se puoi, vai in un negozio di telescopi (non ce ne sono molti) o in una concessionaria di fotocamere di fascia alta che trasporta telescopi di grandi marchi per una valutazione tattile. Inoltre, ci sono molte risorse, bacheche e recensioni di attrezzature disponibili sul Web e nelle riviste di astronomia. Forse la migliore forma di ricerca è quella di partecipare a una festa stellare locale organizzata dal club di astronomia del tuo quartiere dove puoi vedere una varietà di telescopi, parlare con i loro proprietari e avere l'opportunità di osservare attraverso di loro. La guida per l'individuazione di queste risorse è fornita in una sezione successiva.

Ambiti di ricerca

Gli ambiti del mirino sono piccoli telescopi o dispositivi di puntamento fissati al tubo principale del telescopio per aiutare a localizzare oggetti che sono troppo deboli per essere visti ad occhio nudo (cioè quasi tutti). Il campo visivo del telescopio è generalmente piuttosto piccolo, circa uno o due diametri di luna, a seconda dell'oculare e dell'ingrandimento. Generalmente, si utilizza prima un oculare a bassa potenza e ad ampio campo per localizzare un oggetto (anche quelli luminosi), quindi cambiare gli oculari con ingrandimenti più elevati a seconda del caso per l'oggetto dato.

Storicamente, i cannocchiali da ricerca erano sempre piccoli telescopi rifrattori, simili a un binocolo, che offrivano un ampio campo visivo (5 gradi circa) a bassa potenza (5X o 8X). Nell'ultimo decennio, un nuovo approccio al puntamento è sorto usando i LED per creare "cercatori di punti rossi" o sistemi di proiezione a reticolo illuminato che proiettano un punto o una griglia sul cielo senza ingrandimento. Questo approccio è molto popolare perché supera diverse difficoltà d'uso dei tradizionali ambiti di ricerca.

Gli ambiti di ricerca tradizionali sono difficili da usare per due motivi principali: l'immagine nell'ambito di ricerca è in genere invertita, il che rende difficile correlare la vista ad occhio nudo (o carta stellare) del motivo a stella con ciò che si vede nel mirino, e rendendo anche difficile effettuare regolazioni a sinistra / destra / su / giù. Inoltre, attirare l'occhio sull'oculare del mirino a volte può essere impegnativo poiché è abbastanza vicino al tubo principale del telescopio e, in molti orientamenti, tenderai il collo in posizioni scomode. Mentre è vero che con la pratica, il problema dell'orientamento può essere mitigato, ed è anche possibile acquistare ambiti di ricerca di immagini corrette (a un costo maggiore), la giuria della comunità astronomica ha chiaramente parlato: i cercatori di proiezioni sono più facili da usare e molto meno costoso.

filtri

L'ultima parte del sistema ottico da capire è l'uso dei filtri. Esiste un'ampia varietà di tipi di filtro utilizzati per varie esigenze di osservazione. I filtri sono piccoli dischi montati in celle di alluminio che si infilano nei formati oculari standard (un altro motivo per ottenere un oculare da 1,25 "e 2" e non un telescopio per grandi magazzini!). I filtri rientrano in queste categorie principali:

· Filtri colorati: i filtri rosso, giallo, blu e verde sono utili per mettere in evidenza dettagli e caratteristiche su pianeti come Marte, Giove e Saturno.

· Filtri a densità neutra: più utili per l'osservazione lunare. La luna è molto luminosa, specialmente quando i tuoi occhi sono adattati al buio. Un tipico filtro a densità neutra elimina il 70% della luce lunare, permettendoti di vedere i dettagli di crateri e catene montuose con meno fastidio agli occhi.

· Filtri per l'inquinamento luminoso: l'inquinamento luminoso è un problema pervasivo, ma ci sono modi per mitigare il suo effetto sul godimento dell'osservazione. Alcune comunità richiedono lampioni a vapori di mercurio-sodio (specialmente vicino a osservatori professionali) perché questi tipi di luci emettono luce solo a una o due lunghezze d'onda discrete. Pertanto, è facile produrre un filtro che elimina solo quelle lunghezze d'onda e consente al resto della luce di passare attraverso la retina. Più in generale, i filtri per l'inquinamento luminoso sia a banda larga che a banda stretta sono disponibili presso i principali fornitori che aiutano sostanzialmente nel caso generale di un'area metropolitana inquinata dalla luce.

· Filtri per nebulose: se il focus è su oggetti del cielo profondo e nebulose, sono disponibili altri tipi di filtri che migliorano le linee di emissione specifiche di questi oggetti. Il più famoso è il filtro OIII (Oxygen-3) disponibile da Lumicon. Questo filtro elimina quasi tutta la luce ad altre lunghezze d'onda diverse dalle linee di emissione di ossigeno generate da molte nebulose interstellari. La Grande Nebulosa di Orione (M42) e la Nebulosa Velo di Cigno assumono un aspetto completamente nuovo se osservate attraverso un filtro OIII. Altri filtri in questa categoria includono il filtro H-beta (ideale per la nebulosa Horsehead) e vari altri filtri "Deep Sky" più generici che migliorano il contrasto e mettono in evidenza i dettagli deboli in molti oggetti, tra cui ammassi globulari, nebulosa planetaria, e galassie.

osservando

Come osservare: l'aspetto più importante di una sessione di osservazione di qualità sono i cieli scuri. Una volta che hai sperimentato l'osservazione del cielo scuro, vedendo la Via Lattea apparire come nuvole di tempesta (fino a quando non guardi da vicino) non ti lamenterai mai più di caricare il veicolo e guidare forse una o due ore per raggiungere un buon sito. I pianeti e la luna possono generalmente essere osservati con successo da quasi ovunque, ma la maggior parte delle gemme del cielo richiedono eccellenti condizioni di osservazione.

Anche se ti stai concentrando solo sulla luna e sui pianeti, il tuo telescopio deve essere installato in un luogo buio per ridurre al minimo la luce riflessa e diffusa che penetra nel tuo telescopio. Evita i lampioni, gli alogeni vicini e spegni tutte le luci esterne / interne che puoi.

È importante sottolineare che l'adattamento al buio dei tuoi occhi. Il viola visuale, una sostanza chimica responsabile dell'aumento dell'acuità dei tuoi occhi in condizioni di scarsa illuminazione, impiega 15-30 minuti per svilupparsi, ma può essere eliminato immediatamente con una buona dose di luce intensa. Ciò significa altri 15-30 minuti di tempo di adattamento. Oltre a evitare le luci intense, gli astronomi usano torce con filtri rosso intenso per aiutare a navigare nei dintorni, visualizzare le carte di partenza, controllare la montatura, cambiare gli oculari e così via. La luce rossa non distrugge il viola visivo come fa la luce bianca. Molti venditori vendono torce a luce rossa per l'osservazione, ma un semplice pezzo di cellophane rosso su una piccola torcia funziona perfettamente.

In assenza di un telescopio a punta di computer (e anche se ne hai uno), ottieni una carta stellare di qualità e impara le costellazioni. Ciò renderà abbondantemente chiaro quali oggetti sono pianeti e quali sono semplicemente stelle luminose. Aumenterà anche la tua capacità di localizzare oggetti interessanti usando il metodo del "salto delle stelle". Ad esempio, il residuo di supernova noto come Nebulosa del Granchio è solo una smidgen a nord dal corno sinistro del Toro Toro. Conoscere le costellazioni è la chiave per sbloccare la vasta gamma di meraviglie disponibili per te e il tuo telescopio.

Infine, acquisisci familiarità con la tecnica di utilizzo della "visione evitata". La retina umana è composta da diversi sensori chiamati "coni" e "bastoncini". Il centro della tua visione, la fovea, è principalmente composto da aste che sono più sensibili alla luce brillante e colorata. La periferia della tua visione è dominata da coni, che sono più sensibili ai livelli di scarsa luminosità, con minore discriminazione cromatica. La visione distorta concentra la luce dell'oculare sulla parte più sensibile della retina e si traduce in una capacità di discernere oggetti più deboli e maggiori dettagli.

Cosa osservare: un trattamento approfondito dei tipi e delle posizioni degli oggetti nel cielo va ben oltre lo scopo di questo articolo. Tuttavia, una breve introduzione sarà utile per navigare tra le varie risorse che ti aiuteranno a trovare questi oggetti spettacolari.

La luna e i pianeti sono oggetti abbastanza ovvi, una volta che conosci le costellazioni e inizi a capire il movimento dei pianeti nell '"eclittica" (il piano del nostro sistema solare) e la progressione del cielo con il passare delle stagioni. Più difficili sono le migliaia di oggetti del cielo profondo: ammassi, nebulose, galassie e così via. Fai riferimento al mio articolo Medium sul compagno Osservando il cielo profondo.

Nel 1700 e 1800 ', un cacciatore di comete di nome Charles Messier passava notte dopo notte alla ricerca di nuove comete nei cieli. Continuava a imbattersi in lievi macchie che non si muovevano di notte in notte, e quindi non erano comete. Per comodità e per evitare confusione, ha costruito un catalogo di queste deboli macchie. Mentre ha scoperto una manciata di comete durante la sua vita, ora è famoso e ricordato per il suo catalogo di oltre 100 oggetti del cielo profondo. Questi oggetti ora portano la loro designazione più usata derivante dal catalogo Messier. "M1" è la Nebulosa del Granchio, "M42" è la grande nebulosa di Orione, "M31" è la galassia di Andromeda, ecc. Carte e libri del Finder sugli oggetti Messier sono disponibili da molti editori e sono altamente raccomandati se hai un modesto disponibilità di telescopio e cielo scuro. Inoltre, un nuovo catalogo "Caldwell" raccoglie circa 100 oggetti che hanno una luminosità simile agli oggetti M, ma sono stati trascurati da Messier. Questi sono i punti di partenza ideali per l'osservatore del cielo profondo iniziale.

Nella prima metà del 20 ° secolo, gli astronomi professionisti costruirono il Nuovo catalogo galattico, o "NGC". Ci sono circa 10.000 oggetti in questo catalogo, la maggior parte dei quali sono accessibili da modesti telescopi amatoriali nei cieli scuri. Esistono diverse guide di osservazione che sottolineano il più spettacolare di questi, e una carta stellare di alta qualità mostrerà migliaia di oggetti NGC.

Quando capisci la vasta gamma di oggetti lassù, dagli ammassi di galassie in Coma Berencies e Leo, alla nebulosa di emissione in Sagittario, alla gamma di ammassi globulari (come l'incredibile M13 in Ercole) e la nebulosa planetaria (come M57, “ la Nebulosa dell'Anello "in Lyra), inizierai a capire che ogni macchia di cielo contiene luoghi meravigliosi, se sai come trovarli.

Imaging

Come la sezione di osservazione, un trattamento di imaging, astrofotografia e videoastronomia va ben oltre lo scopo di questo articolo. Tuttavia, è importante comprendere alcune delle nozioni di base in quest'area per aiutarti a prendere una decisione informata su quale tipo di telescopio e sistema di montaggio è giusto per te.

La forma più semplice di astrofotografia è catturare "tracce di stelle". Posiziona una fotocamera con un obiettivo tipico su un treppiede, puntalo su un campo stellare ed esponi il film per 10 a 100 minuti. Mentre la terra ruota, le stelle lasciano "scie" sul film che raffigura la rotazione del cielo. Questi possono essere di colore molto bello, e specialmente se puntati verso Polaris (la "stella del nord") che mostra come l'intero cielo ruota attorno ad esso.

La prima installazione di astrofotografia dell'autore nella foto a Glacier Point, Yosemite. Sulla montatura equatoriale tedesca Losmandy G11 si trova il rifrattore più piccolo sul lato sinistro per la guida e un Schmidt-Newton da 8

Esistono ora diversi tipi di approccio all'imaging di oggetti astronomici, grazie all'avvento di CCD, fotocamere digitali e videocamere e ai continui progressi nelle tecniche cinematografiche. In ognuno di questi casi, è necessario un innesto equatoriale per un tracciamento accurato. In effetti, le migliori astrofotografie prese oggi impiegano una montatura equatoriale molte volte più massiccia e stabile di quanto sarebbe necessario per una semplice osservazione visiva. Questo approccio riguarda la necessità di stabilità, resistenza alla brezza, precisione di tracciamento e vibrazioni ridotte al minimo. In genere, una buona astrofotografia richiede anche un qualche tipo di meccanismo di guida, che spesso implica l'uso di un secondo ambito di guida sullo stesso supporto. Anche se il tuo mount ha un clock drive, non è perfetto. Sono necessarie continue correzioni durante una lunga esposizione per assicurarsi che l'oggetto rimanga al centro del campo, con una precisione vicina al limite di risoluzione del telescopio in uso. In questo scenario entrano in gioco sia gli approcci di guida manuale sia gli "autoguider" CCD. Per gli approcci cinematografici, "lunga esposizione" può significare da 10 minuti a più di un'ora. È necessaria un'eccellente guida durante l'intera esposizione. Questo non è per i deboli di cuore.

La fotografia sulle spalle è sostanzialmente più semplice e può dare risultati eccellenti. L'idea è quella di montare una normale fotocamera con un obiettivo a medio o ampio campo sul retro di un telescopio. Si utilizza il telescopio (con uno speciale oculare guida reticolo illuminato) per tracciare una "stella guida" sul campo. Nel frattempo, la fotocamera scatta un'esposizione da 5 a 15 minuti di una grande macchia di cielo a un'impostazione rapida, F / 4 o superiore. Questo approccio è ideale per le riprese in vista della Via Lattea o di altri campi stellari.

Di seguito sono riportate alcune immagini scattate con una Olympus OM-1 da 35 mm (una volta una fotocamera preferita tra gli astrofotografi, ma questo e il film sono generalmente sostituiti dai CCD, in particolare tra gli hobbisti più seri) con esposizioni che vanno dai 25 minuti agli 80 minuti in modo equo pellicola Fuji ASA 400 standard.

In alto a sinistra: M42, The Great Nebula in Orion; In alto a destra, Sagittario Star Field (piggy back); In basso a sinistra: le Pleiadi e la nebulosa a riflessione; In basso a destra, M8, la Nebulosa Laguna nel Sagittario.

Le tecniche di imaging più avanzate includono la pellicola iper-sensibilizzante per aumentare la sua sensibilità alla luce, utilizzando sofisticate fotocamere astro-CCD e autoguidanti ed eseguendo un'ampia varietà di tecniche di post-elaborazione (come "impilamento" e "allineamento a mosaico") su immagini digitali.

Se ti piace l'imaging, sei un tecnofilo e hai pazienza, il campo dell'astrofotografia potrebbe essere adatto a te. Molti imager amatoriali oggi producono risultati che competono con quelli degli osservatori professionisti solo pochi decenni fa. Una rapida ricerca sul web produrrà dozzine di siti e fotografi.

Produttori

Con il recente aumento della popolarità dell'astronomia, ora ci sono più produttori e rivenditori di telescopi che mai. Il modo migliore per scoprire chi sono è andare al tuo portariviste locale di alta qualità e ritirare una copia delle riviste Sky e Telescope o Astronomia. Da lì, il Web ti aiuterà a ottenere maggiori dettagli sulle loro offerte.

Ci sono due principali produttori che hanno dominato il mercato negli ultimi due decenni: Meade Instruments e Celestron. Ognuno ha diverse linee di offerte di telescopi nelle categorie di design rifrattore, Dobson e Schmidt-Cassegrain, insieme ad altri design speciali. Ognuno ha anche set oculari completi, opzioni elettroniche, accessori per foto e CCD e molto altro. Vedi www.celestron.com e www.meade.com. Entrambi operano tramite reti di rivenditori e il prezzo è fissato dal produttore. Non aspettarti di contrattare o ottenere un affare speciale diverso da chiusure e secondi.

A ridosso dei due grandi ci sono i telescopi e il binocolo Orion. Importano e marchiano diverse linee di telescopi, oltre a rivendere altri marchi selezionati. Il sito web di Orion (www.telescope.com) è pieno di informazioni su come funzionano i telescopi e quale tipo di telescopio è adatto alle tue esigenze e al tuo budget. Orion è probabilmente la migliore fonte per un'ampia selezione di telescopi entry-level di qualità. È anche un'ottima fonte di accessori, come oculari, filtri, custodie, atlanti a stella, accessori di montaggio e altro ancora. Iscriviti al catalogo sul loro sito Web: anche questo è pieno di informazioni utili e generiche.

Televue è un fornitore di rifrattori di alta qualità (APO) e oculari premium ("Naglers" e "Panoptics"). Takahashi produce rifrattori APO di fluorite di fama mondiale. In America, Astro-Physics ha prodotto forse i rifrattori APO più ricercati e di alta qualità; in genere hanno una lista di attesa di 2 anni e i loro telescopi hanno effettivamente apprezzato il valore sul mercato dell'usato nell'ultimo decennio.

L'autore e un amico hanno allineato lo specchio primario sul suo telescopio Dobson da 20

Obsession Telescopes è stato il primo, e ancora più apprezzato, produttore di grandi Dobsoniani. Le dimensioni vanno da 15 "a 25". Preparati a ottenere un rimorchio per spostare uno di questi telescopi nei cieli scuri.

risorse

Il Web è pieno di risorse astronomiche, dai siti Web dei produttori agli editori, agli annunci e ai forum di messaggi. Molti singoli astronomi mantengono siti che mostrano la loro astrofotografia, osservando rapporti, consigli e tecniche sulle attrezzature, ecc. Un elenco completo sarebbe composto da molte pagine. La scommessa migliore è iniziare con Google e cercare una varietà di termini, come "tecniche di osservazione del telescopio", "recensioni di telescopi", "fabbricazione di telescopi amatoriali", ecc. Cerca anche "club di astronomia" per trovarne uno nel tuo la zona.

Vale la pena menzionare esplicitamente due siti. Il primo è il sito web Sky & Telescope che è pieno di ottime informazioni sull'osservazione generale, su cosa succede nel cielo in questo momento e sulle recensioni passate dell'attrezzatura. Il secondo è Astromart, un sito di annunci dedicato alle apparecchiature per l'astronomia. I telescopi di alta qualità non si usurano o hanno molti problemi dovuti all'uso e di solito sono meticolosamente curati. Potresti prendere in considerazione la possibilità di acquistare uno strumento usato, soprattutto se il venditore è nella tua zona e puoi verificarlo di persona. Questo approccio funziona anche per ottenere accessori come oculari, filtri, custodie, ecc. Astromart ha anche forum di discussione in cui le ultime chiacchiere su attrezzature e tecniche sono abbondanti.

Orion Telescopes and Binoculars è un grande rivenditore di telescopi di marchi propri e di altri produttori. Hanno tutto, dal principiante ad alcuni ambiti e accessori di fascia alta. Il loro sito web, e in particolare il loro catalogo, è pieno di risultati esplicativi che discutono dei principi ottici e meccanici relativi ai telescopi e agli accessori.

Il prossimo?

Se non l'hai ancora fatto, esci e fai qualche osservazione con gli amici o un club di astronomia locale. Gli astronomi dilettanti sono un gruppo socievole e, data la possibilità, in genere ti diranno di più su qualsiasi argomento dato di quanto tu possa assorbire in una sola seduta. Successivamente, informati con fonti di riviste, ricerche e siti Web e una visita al negozio di libri. Se scopri di avere davvero il bug, allora decidi i parametri e i vincoli per restringere le scelte del telescopio in termini di dimensioni, design e budget. Se questo è troppo lavoro, e vuoi solo prendere un telescopio ieri, allora vai a Orion e acquista il venerabile Dobsonian da 6 ”F / 8.

Happy Star Trails!