Cosa succede quando il campo magnetico terrestre inverte la sua polarità?

Catastrofe o cambiamento strisciante? Quando i polacchi saltano

Foto di Valentin Antonucci su Unsplash

Di tanto in tanto, si legge di nuovi segni che siamo attualmente nel mezzo di un periodo di inversione dei poli magnetici della nostra terra. Ogni nuovo messaggio a riguardo chiama immediatamente i teorici della catastrofe e i profeti dell'ultimo tempo sulla scena. Gli scienziati, che negano l'argomento di esplosività, si stanno dichiarando contrari. Allora dov'è la verità adesso? Dobbiamo preoccuparci o possiamo sederci e rilassarci?

Una breve introduzione al campo magnetico terrestre - Da dove viene e cosa fa - il campo magnetico della nostra terra

Per anticipare: non esiste una teoria definitivamente riconosciuta sull'origine del campo magnetico terrestre. Invece, diverse ipotesi competono tra loro. Tuttavia, una di queste teorie è ampiamente preferita nella scienza. Le caratteristiche principali di questo sono brevemente delineate qui.

Il processo che genera il campo magnetico è anche noto come geodynamo. Simile a una dinamo, un campo elettrico viene indotto all'interno della terra dal movimento.

Il campo magnetico terrestre prende il suo punto di partenza nel nucleo terrestre. È costituito da un solido nucleo interno di ferro e un liquido, un nucleo esterno di ferro fuso a cui si presume siano aggiunti silicio, ossigeno e zolfo.

Secondo le stime, le temperature nel nucleo terrestre sono all'incirca le stesse di quelle che prevalgono sulla superficie del sole e sono quindi di circa 5.000 gradi Celsius. Il fatto che il nucleo interno della terra non sia ancora liquido potrebbe essere spiegato dall'enorme pressione prevalente lì.

Anche l'idea del liquido, nucleo esterno della terra deve essere corretta in qualche modo. Ciò che generalmente chiamiamo stato liquido non si applica del tutto nel caso del nucleo terrestre. La velocità del flusso è di pochi metri all'anno.

Il termine "liquido" è qui usato in modo analogo al termine tecnico di viscosità. Se uno sa che anche il vetro ha un certo grado di viscosità, forse si può forse meglio illustrare il termine "liquido" relativo al nucleo esterno della terra.

Per spiegare: il fatto che il vetro abbia effettivamente una velocità di flusso può essere visto su antiche finestre della chiesa. I vetri sono notevolmente più spessi lì sul bordo inferiore che più in alto. Ciò è spiegato dal fatto che il vetro è fluito verso il basso nei secoli successivi alla gravità.

L'esatto processo che porta alla formazione del campo magnetico è estremamente complicato. Vorrei limitarmi a una versione ridotta della spiegazione per motivi di consumabilità dell'articolo.

In parole povere, il materiale caldo sale dal nucleo della terra e il materiale più freddo affonda. Questa costante circolazione di materiale si chiama convezione. Il materiale caldo e in aumento porta una certa carica elettrica e il processo di circolazione genera un campo elettromagnetico.

Ciò viene ulteriormente amplificato in modo complicato deviando e torcendo le correnti di convezione mediante la rotazione della terra e probabilmente anche alcune altre forze.

A volte i poli vagano: ciò che i geologi sanno delle inversioni di polarità passate

È un fatto poco noto al pubblico che i poli magnetici non rimangano costantemente nello stesso posto.

Solo 100 milioni di anni fa, avremmo avuto gravi problemi di orientamento con la bussola di oggi.

Il fatto che i poli magnetici siano stati spesso sostituiti in passato è ben documentato scientificamente. Si parla con un tale scambio di polo nord e sud magnetico anche di un salto del polo. La parola salto, tuttavia, suggerisce un'improvvisazione che di solito non viene data. In effetti, un tale processo di solito richiede fino a 10.000 anni.

I precedenti salti polari possono essere dimostrati analizzando la polarizzazione magnetica della vecchia roccia vulcanica. Se la roccia ferrosa si scioglie e poi si raffredda di nuovo, conserva la polarizzazione prevalente in quel momento. Sulla base di numerosi studi, ora sappiamo che in passato si registrava un salto in pole ogni 250.000 anni.

È interessante notare che l'ultima inversione di polarità ha avuto luogo 780.000 anni fa. Ciò significherebbe che un altro salto in pole sarebbe atteso da tempo.

In effetti, ci sono numerose indicazioni che attualmente ci troviamo proprio in una fase del genere. È stato dimostrato che la forza del campo magnetico sta attualmente diminuendo, il che viene interpretato come un segno di un imminente salto polare. Si stima che questo scenario si verificherà tra 3.000 e 4.000 anni. Naturalmente non è possibile prevedere l'ora esatta del salto con l'asta.

Pro e contro dello scenario del disastro - Quanto è minaccioso un salto polare per l'umanità?

Gli scenari di catastrofi relativi al tempo durante un salto polare di solito si riferiscono all'assunto che un drammatico indebolimento del campo magnetico nel corso di questo cambiamento esponga la terra al vento solare senza protezione.

Le conseguenze sarebbero quindi il fallimento dei sistemi di comunicazione in tutto il mondo, il disorientamento delle specie animali orientate al campo magnetico (pipistrelli, uccelli migratori, ecc.) E cattive influenze sul nostro DNA da parte delle radiazioni cosmiche.

Gli oppositori di questi scenari di sventura, tuttavia, hanno giustamente avanzato alcuni argomenti contro di essa. È stato criticato che la teoria della catastrofe parte da un evento molto improvviso, ma i fatti noti finora hanno sempre dimostrato una fase da 4.000 a 10.000 anni per un salto con l'asta.

Gli effetti dannosi, come sul senso di orientamento degli animali, potrebbero quindi essere prevenuti da un adattamento evolutivo graduale alle mutevoli condizioni. Le transizioni degli strati di sedimenti dai tempi dei precedenti salti polari hanno anche mostrato che i cambiamenti delle specie hanno avuto luogo nell'area dei microrganismi, ma non negli organismi più grandi. Gli eventi di estinzione significativi almeno non coincidono con i periodi in cui si sono verificati i salti con i poli.

Tuttavia, gli scenari di disastro ricevono nuovo cibo a seguito di nuovi risultati scientifici. Almeno due scienziati americani ritengono di aver trovato prove del fatto che i salti con i poli possono avvenire molto più velocemente di quanto precedentemente noto.

In base a ciò, un cambiamento di polarità sarebbe persino possibile entro pochi anni. Un periodo così breve renderebbe ovviamente impossibile qualsiasi adattamento naturale.

La ragione di questa ipotesi sono le indagini su flussi di lava raffreddati di 16 milioni di anni nello stato federale del Nevada, negli Stati Uniti. Da quando la roccia si è sciolta lì due volte in un anno, il campo magnetico tra i due eventi si è ruotato di 53 gradi.

Sebbene molti colleghi credano che questo possa anche essere un fenomeno locale, devono ancora dimostrare questa affermazione. Al contrario, gli scienziati in questione da allora hanno cercato prove che si trattasse di un evento globale. Il risultato di questa ricerca è ancora aperto.

Già nel 1995, studi simili trovarono persino indicazioni di un'inversione di campo entro un solo mese. Ma poiché questo risultato è completamente deviato dalla dottrina dell'epoca, è stato semplicemente ignorato. Alla luce delle indagini in Nevada, tuttavia, questa pista è stata ora ripresa.

Speriamo che questi risultati di misurazione non saranno confermati alla fine, perché se lo fanno, probabilmente dovremmo affrontare la possibilità teorica di una catastrofe globale causata da un salto con l'asta.

vuoi di più?

Ricevi email settimanali e non perdere nessuno dei miei articoli.

iscriviti qui http://bit.ly/ReneJunge